SHARE

VotoAiVoti

Quante volte vi è capitato di rimanere sgomenti di fronte a voti ”sconcertanti”? Quante volte vi è capitato di chiedervi il perchè o il percome di qualche voto? Quante volte avete gridato al complotto dicendo ”quello è un raccomandato” o peggio ”tanto quello ce l’ha LUI al fantacalcio”? Allora questa nuova rubrica fa al caso vostro…e del vostro fegato. Qui ci proponiamo di ”giudicare” in maniera ironica i voti degli ”esperti” che ogni Lunedì ci fanno sobbalzare sulla sedia.

SCELTE DEVIATE – Questo week-end ci consegna molte cose su cui ragionare e delle quali inveire. Non ci addentreremo nei casi dei gol deviati. Abbiamo già una volta richiamato all’omogeneità, alla coerenza nell’applicazione delle fattispecie. Se ne continuano a fregare ed è una libera scelta ma non ci mettiamo a fare populismo e demagogia arrampicandoci sugli specchi delle interpretazioni, lasciamo ad altri quest’arte.

NO, NON CI SIAMO – Ci premono di più le interpretazioni dei voti e di questo continuiamo ad occuparci, in particolare di questa moda degli 8. Ne stanno uscendo a bizzeffe in questa stagione per motivi più o meno validi. Il primo, e condiviso tra le varie redazioni, è Cuadrado. Sinceramente ci sorprende che si sorprendano della forza del colombiano, della sua bravura nello spaccare a metà le partite, della rapidità di esecuzione. Un evoluzione che va avanti dalla stagione scorsa, da quando Montella lo avanzò togliendogli compiti di copertura e dandogli maggiore libertà d’azione. La gara col Bologna non ha nulla di eccezionale, neanche le due realizzazioni lo sono, contando anche la scarsa verve dell’avversario. Ecco, a questo punto, perché dargli 8? Magari sull’onda dell’entusiasmo, magari lo stesso che porta il Gazzetta e Corriere dello Sport a dare lo stesso voto a Pjanic. La sua serpentina è entusiasmante (ecco!) ma sinceramente siamo aldilà del giusto. Già il 7.5 è un voto molto alto, al limite, ma 8 è fuori luogo. Ci fa riflettere a questo punto il voto di Inler. Lo svizzero è autore di un’azione simile, più fortunosa, ma 1.5 punti di differenza perché ha preso palo? Ci sembra tanto e, visto che siamo d’accordo col voto di Inler, sarebbe opportuna più morigeratezza. Cosa che è mancata al CdS quando hanno scritto il voto di Tevez. No, questo non riusciamo neanche a commentarlo. Ah, dimenticavamo Toni, il Casodella Settimana. Evidentemente dopo avergli tolto il gol, pensavano fosse una punizione eccessiva abbassargli il voto. In generale, secondo noi, 7.5 è un voto molto alto considerando anche il valore dell’avversario, ma 8 è eccessivo, a prescindere dalla doppietta o meno. Ecco,coerenza.

DEMAGOGIA – Non riusciamo a definire altrimenti il 3 dato a Felipe. Precisiamo, per punire una espulsione così stupida ed ingiustificata basta il 4. Non c’è bisogno di calcare la mano, non così tanto. Che senso ha? Nessuno, rispondiamo noi. Stavolta la rosa ha toccato il fondo della banalità, cacciando dal cappello un voto insulso che mortifica non solo il fantallenatore, ma soprattutto il calciatore che, siamo sicuri, sta già scontando di suo riflettendo sul gesto che ha commesso. Senza calcare la mano.

CONFUSIONE – Pensiamo quindi che regni un caos analitico che fa sbattere i voti a destra e a manca senza una logica alcuna. Prendiamo Curci che tiene, o prova, a galla il Bologna non merita quel basso 5.5 della Gazzetta. Stessa redazione, stesso voto, stesso assurdo conBonaventura che almeno il 6 lo meritava. Ma la confusione non è di casa alla Gazzetta, anche a Fantagazzetta hanno le loro scelte “sorprendenti”. Per esempio che senso ha dare 5 a Zielinski, subentrato a gara acquisita ed Udinese con i remi tirati in barca? Nessuno. Che senso ha buttare così giù Monzon, e solo Monzon, quando tutto il Catania è ormai allo sfascio? E non gioca neanche così male. Oppure infierire su Portanova con quel 4.5? Se, da un lato, i 6 di altre redazioni sono un po’ troppo concentrati sulla gara e poco sull’episodio, questo voto è tutto concentrato sull’episodio. Serve la visione globale che, probabilmente, porta a 5.5. E con 1.5 punti in più ad un fantallenatore gli cambi la giornata. Ecco, basta questo, essere coerenti e giusti per far felice un fantallenatore, anche quando perde. Almeno sa che è girata così…

INFINE – Una raffica di voti alzati ed una di voti ribassati. Per i primi Cigarini, Pisano e Rossettini (7.5!) beneficiano della benevolenza del Corriere. Stessa redazione salva Lazarevic in verità poco incisivo(e ce ne sarebbero altri, in pratica mettiamo il Parma). Marchese viene salvato, invece, da Fantagazzetta ma era insufficiente. Come lo erano PicciniRinaudo e Biagianti ma non per la Gazzetta. Al contrario la Rosa butta giùSiligardi (sì giusto il 5.5) rendendo caotici i voti del Livorno.

Alfonso Boffardi per iconsiglidelfantacalcio.it

SHARE