SHARE

kakitani

In patria lo chiamano “Il Genio”, no, non stiamo parlando di Savicevic, il diretto interessato risponde al nome di Yoichiro Kakitani, giovane di belle speranze del Cerezo Osaka, in prestito però al Tokushima Vortis, e della nazionale nipponica in trasferta in Brasile per la rassegna mondiale. Potrebbe essere proprio lui il primo colpo di mercato targato Pradè e, soprattutto, Macia per il calciomercato estivo della Fiorentina.

KAKITANI DIETRO L’ANGOLO Colpo mediatico e ad effetto per il mercato sponsorizzazioni dell’est, in patria infatti il giovane attaccante esterno è considerato un predestinato e la sua acquisizione rappresenterebbe un vero e proprio colpo “gobbo” in quanto a immagine e marketing della squadra gigliata. Per comprendere meglio il ruolo ricoperto da Kakitani e le sue peculiarità riportiamo le parole dell’agente FIFA Petricca, intervistato pochi giorni fa dal portale dei tifosi viola Fiorentina.it “Non è molto conosciuto qui ma in Giappone ha già una sua storia ed è molto apprezzato. Si muove sul fronte offensivo, può fare la seconda punta o l’esterno alto in un 4-3-3. Dovessi fare un paragone con un suo connazionale in Europa direi Kagawa, visto quanto sia bravo ad andare negli spazi vuoti. Ci vuole pazienza però per questo tipo di giocatori. Hanno bisogno di un ambientamento attento e più lungo di altri”. 

KAKITANI BLOCCATO Al momento il tutto è però bloccato, la Fiorentina ha infatti un solo slot da extracomunitario e vuole attendere il momento giusto per “riempirlo”, i dirigenti viola, consci di quanto possa far comodo questo spazio a disposizione in sede di calciomercato, soprattutto riguardo affari dell’ultima ora, dovrebbero aspettare, come minimo, la fine del Mondiale per portarsi a casa le prestazioni del giovane giapponese.