SHARE

mondialifigc

Quattro europee e quattro sudamericane, tutte e otto vincitrici dei rispettivi gironi di qualificazione. Quarti di finale dei Mondiali in perfetta parità tra Vecchio Continente e Sudamerica. Una sfida, quella tra Europa e Sudamerica, che non vedrà in campo i campioni del mondo del 2010 della Spagna e quelli del 2006 (l’Italia), ma che caratterizzerà i quarti di finale dei Mondiali dove non sono riuscite ad arrivare, invece, le più che promettenti Nazionali africane. Anche questa volta l’Africa ha lasciato la solita buona impressione, ma non è riuscita ad andare oltre gli ottavi di finale con Nigeria e Algeria eliminate rispettivamente dalla Francia e dalla Germania. Quarti di finale tra 4 europee e 4 sudamericane che promettono ancora spettacolo dopo il record di gol raggiunto: a 10 partite dalla fine, ai Mondiali di calcio del Brasile sono già stati segnati 154 gol, nove in più rispetto a Sudafrica 2010, chiusosi a quota 145. Si inizia oggi con Argentina-Belgio e Olanda-Costarica.

ARGENTINA-BELGIO – Oggi alle ore 18 l’Argentina scenderà in campo contro il Belgio. Gli uomini di Sabella, negli ottavi contro la Svizzera, hanno trovato il gol vittoria solamente nei tempi supplementari con “El Fideo” Di Maria, dopo una grande azione personale di Messi. Anche il Belgio ha dovuto faticare contro gli USA, salvati a più riprese dalle parate di Howard. Gli uomini di Wilmots hanno archiviato la pratica statunitense solo nei minuti supplementari con le reti di De Bruyne e Lukaku. Partita dal pronostico incerto: da una parte forti individualità come Messi e Di Maria, dall’altra buone individualità supportate da un grande collettivo. Argentina in semifinale.

OLANDA-COSTA RICA – Alle 22, invece, toccherà all’Olanda sfidare la sorpresa Costa Rica. La squadra di Van Gaal, in difficoltà agli ottavi con il Messico per buona parte del match, ha capovolto il risultato in due minuti grazie alle reti di Sneijder e Huntelaar dopo il vantaggio dei messicani di Giovani Dos Santos. “Los Ticos”, invece, a sorpresa, sono arrivati per la prima volta ai quarti di finale di un Mondiale: decisive le parate del “gato” Keylor Navas. Sulla carta partita scontata, ma questo Costa Rica non vuole regalare nulla agli Oranje.