SHARE

olanda costa rica

L’Olanda ha bisogno dei calci di rigore e di una incredibile intuizione di Van Gaal per avere la meglio di una Costa Rica impeccabile in fase difensiva, che ha reso vano il possesso palla Orange e ne ha disinnescato le bocche da fuoco. Inutili le sgroppate di Robben, le giocate di Sneijder, i movimenti di Van Persie, la partita l’ha decisa Van Gaal facendo entrare il portiere Krul all’ultimo minuto dei supplementari con il compito specifico di parare rigori. Scommessa vinta: parate su Ruiz e Umana e Olanda che affronterà l’Argentina in semifinale.

La muraglia dei Ticos regge- Van Gaal schiera i suoi con un 3-4-3 molto largo, con lo scopo di allargare le maglie dei difensori del Costa Rica e sfruttare gli 1vs1 di Robben e Depay. Nonostante tutto però la difesa a 5 dei Ticos garantisce raddoppi costanti e anche quando Robben va via ad un uomo, almeno altri due intervengono per limitarne l’azione. L’Olanda è padrona del campo e chiude l’avversario nella sua metà campo, non riuscendo però a trovare il corridoio giusto per imbeccare Van Persie, chiuso dai centrali avversari e spesso in posizione di off-side. Gli Orange riescono ad andare al tiro solo con Depay, imbeccato da un grande passaggio di Sneijder, ed una punizione dello stesso ex centrocampista dell’ Inter, ma in entrambi i casi l’ottimo Keylor Navas si oppone e nega il gol agli avversari. Il portiere si ripete successivamente su Van Persie, dimostrando per l’ennesima volta di essere tra i migliori estremi difensori in questo torneo. Il primo tempo si esaurisce con una lunga manovra olandese: la palla si muove pazientemente passaggio dopo passaggio da una fascia all’altra nella speranza di trovare qualche buco nel muro eretto dalla squadra di Pinto, ma i difensori del Costa Rica scalano con molta attenzione e riescono a proteggere il risultato fino al fischio dell arbitro.

“Tu…Non puoi…Passare!”-Lo spartito della ripresa è molto semplice: l’Olanda macina gioco, il Costa Rica è rintanato nella sua metà campo e spazza via ad ogni imprecisione degli avversari. I centro-americani difensivamente sono quasi impeccabili e riescono anche a rendersi pericolosi con due occasioni, con un’incursione sulla sinistra di Bolanos che però non viene concretizzata da Campbell, e sugli sviluppi di una  punizione ancora di Bolanos sprecata poi da un colpo di testa impreciso di Gonzales. L’Olanda ci prova con scambi stretti per vie centrali ma i raddoppi dei Ticos rendono vana ogni iniziativa di Sneijder e Robben, obbligando Van Persie a cercare la profondità finendo quasi sempre in fuorigioco. Gli Orange ci provano allora sui calci d’angolo di Robben ma soltanto in un’occasione Vlaar riesce ad anticipare l’avversario spedendo però la palla sopra la traversa. A dieci minuti dalla fine Sneijder prova a suonare la carica provando a segnare su una punizione procurata dall’ennesima accelerazione di Robben, ma la sua conclusione balisticamente perfetta si infrange sul palo alla destra di Navas. Van Persie avrebbe sul destro la palla della vittoria, ma liscia clamorosamente dando il via ad una serie di eventi che hanno del bizzarro. Su una punizione dello stesso Van Persie, Navas si salva con i pugni e sulla respinta succede di tutto: mischia clamorosa, la palla colpisce la traversa, i difensori si schierano a difesa della porta e riescono a salvare ancora una volta il risultato. La porta dei Ticos sembra stregata e l’Olanda deve ricorrere ai supplementari per provare a rompere l’incantesimo.

Ancora emozioni ma il fortino è inespugnabile-L’Olanda apre le danze con due corner pericolosissimi: sul primo ancora Vlaar svetta impegnando Navas; su quello seguente il portiere del Costa Rica commette forse il suo primo errore uscendo in maniera approssimativa, ma Kuyt non riesce a sfruttare l’occasione. Van Gaal si gioca la carta Huntelaar soltanto nel secondo tempo supplementare ma il cacciatore riesce solo a farsi ammonire per una gomitata a Navas. Il Costa Rica rischia di vincere la partita con Urena che a tu per tu con Cillessen spara addosso al portiere olandese, mentre sul capovolgimento di fronte è Sneijder a sfiorare ancora il gol con un tiro a giro che si schianta sulla traversa. Si va ai rigori e Van Gaal decide di inserire il portiere del Newcastle Krul, specialista nel neutralizzare i tiri dal dischetto.

Louis ne sa una più del diavolo- Decisiva la scelta di Van Gaal di inserire Krul, che para due rigori a Ruiz e Umana. Olandesi impeccabili dagli 11 metri e gli Orange sono in semifinale contro l’Argentina.

 

Olanda-Costa Rica 4-3 d.c.r.

Rigori: Borges gol, Van Persie gol, Ruiz parato, Robben gol, Gonzales gol, Sneijder gol, Bolanos gol, Kuyt gol, Umana parato

OLANDA (3-4-3): Cillessen (Krul); Kuyt, De Vrij, Vlaar, Martins Indi (Huntelaar), Blind; Wijnaldum, Depay (Lens), Sneijder; Van Persie, Robben. All. Van Gaal.

COSTA RICA (5-4-1): Navas; Gamboa (Myrie), Acosta, Gonzalez, Umana, Diaz; Ruiz, Borges, Tejeda (Cubero), Bolanos; Campbell (Urena). All. Pinto.