SHARE

rp_barbara_berlusconi_getty.jpg

L’amministratore delegato rossonero Barbara Berlusconi non si trattiene e dice la sua sull’elezione del nuovo presidente della Federcalcio: “Si parli meno di tessere e più di idee – ha spiegato a margine dell’assemblea –. Mi auguro che la Lega di Serie A proponga una candidatura unitaria”. Dopo aver sollecitato una svolta generazionale la settimana scorsa, l’ad del Milan torna dunque all’attacco: “Dal dibattito per la presidenza Figc emergono dichiarazioni che ricordano i congressi della Dc della Prima Repubblica”.

“Oggi, invece, c’è in gioco il futuro del calcio italiano e servono persone con idee nuove e coraggiose – ha proseguito la figlia del presidente del Milan, Silvio Berlusconi -. Non si può, infatti, ridurre tutto, come sembra fare qualcuno, alle tessere e ai voti di cui si disporrebbe. Molto più importante è discutere su programmi e idee per rilanciare il nostro calcio che è in grave crisi di credibilità e di risultati. Mi auguro, e lo faccio a titolo personale perché non è tra le mie deleghe, che la Lega di serie A proponga, in maniera unitaria, una candidatura che vada in maniera convinta nel senso del rinnovamento e del cambiamento – ha concluso Lady B. – pensando a un candidato credibile, in grado di raccogliere quella forte voglia di cambiamento e di rinnovamento che viene dal Paese”.