SHARE

matri

Con un comunicato apparso sul proprio sito, il Genoa Cricket and Football Club ha reso noto di aver depositato presso l’Ufficio Tesseramenti della Lega Nazionale Professionisti Serie A la documentazione inerente l’acquisizione a titolo temporaneo del diritto alle prestazioni sportive di Alessandro Matri, attaccante prelevato in prestito dal Milan. Il giocatore ha effettuato le visite attestanti l’idoneità sportiva ed è impegnato in una serie di test in queste ore, per rilevazioni funzionali alla ripresa dell’attività agonistica.

Come si legge nella nota del club ligure, Alessandro Matri è nato il 19 agosto 1984 a Sant’Angelo Lodigiano. Cresciuto nel settore giovanile del Milan dopo gli esordi giovanili nella Virtus Don Bosco e il Fanfulla, esordisce in serie A il 24 maggio 2003 contro il Piacenza. Prima dell’esplosione con la maglia del Cagliari, si fa le ossa e mette in luce con Prato, Lumezzane e Rimini. Con i quattro mori è protagonista di stagioni straordinarie dopo un inizio senza bagliori, esibendo il repertorio di un attaccante moderno. Movenze feline in area di rigore, fiuto del gol e apertura degli spazi per i compagni. La Juventus mette gli occhi su di lui e lo preleva nella sessione invernale del 2011. Due anni in bianconero infarciti di successi poi il ritorno al Milan e a gennaio 2013 il trasferimento alla Fiorentina. Il debutto nelle competizioni Uefa avviene con la Juve a Londra in una gara di Champions League con il Chelsea, la prima marcatura la timbra in casa del Celtic. L’esperienza internazionale è arricchita dalla prima convocazione in azzurro del ct Prandelli nel febbraio 2011 per un’amichevole con la Germania, bagna l’esordio nel match con l’Ucraina e segna il primo gol in azzurro. Tra le presenze collezionate in nazionale, una al Luigi Ferraris contro la rappresentativa Usa. In carriera ha vinto due scudetti e una Supercoppa Italiana durante la permanenza a Torino.