SHARE

brasile olanda

BRASILE

Julio Cesar 5.5- Fondamentalmente raccoglie solo i tre palloni in fondo al sacco. Può fare davvero poco sugli errori difensivi, ma non si dimostra l “‘acchiappasogni” di una volta.

Maicon 6.5– Forse il più vivo sei suoi. Sbaglia a scalare difensivamente in qualche occasione, ma le sue cavalcate in fase offensiva sono tra le poche cose che mettono in difficoltà gli olandesi.

David Luiz 5- Distratto, pasticcione e superficiale. Un paio di buone chiusure, qualche apertura degna di nota ma per il resto partita negativa.

Thiago Silva 6- Ha sulla coscienza il fallo su Robben che porta al rigore dell’1-0, ma si fa perdonare tallonando Van Persie e chiudendo in almeno altre 3 occasioni. Senza di lui staremmo parlando di un’altra goleada.

Maxwell 5- Dal suo lato imperversa Robben, che lo salta con continuità e lo costringe a rimanere basso. Tocca pochi palloni e quando lo fa, sbaglia.

Paulinho 4.5- Probabilmente tocca la palla in tutto 3 volte, prova a prendere gli avversari ma neanche ci riesce. Vero e proprio fantasma

Luiz Gustavo 5- Dovrebbe dare equilibrio difensivo ed impostare l’azione. Missione fallita.

Willian 5.5- In molti lo volevano titolare al posto di Oscar contro la Germania, ma stasera non fa molto per dare ragione ai suoi sostenitori.

Oscar 6.5- In assenza di Neymar, cerca di prendersi la responsabilità di saltare l’uomo ed inventare qualcosa di pericoloso. In qualche occasione ci riesce anche, ma i compagni non lo seguono.

Ramires 5.5- Tanta corsa, tanta quantità, ma la qualità latita. Forse avrebbe fatto maggiormente comodo qualche metro più indietro.

Jo 5– C’era anche lui in campo?

(Hernanes 5.5, Hulk 6, Fernandinho 5)

OLANDA

Cillessen 6.5- Sempre sicuro tra i pali. Non compie grandi parate, ma i compagni si fidano di lui e gestisce con freddezza le poche occasioni in cui il Brasile si rende pericoloso.

De Vrij 7- Una vera muraglia. Non perde un contrasto e non viene quasi mai saltato nell’1 vs 1. Le mansioni difensive gli vanno quasi strette, tant’è che si lancia in incursioni palla al piede per potersi scatenare.

Vlaar 6- Sicuro negli anticipi ed insuperabile di testa. Dirige con ordine la retroguardia orange, forse troppo irruento in qualche occasione

Martins Indi 6- Partita sufficiente, fa il suo dovere senza strafare. Puntuale nelle chiusure ed intelligente nel giocare palloni facili

Kuyt 6.5- Parte male sparando alle stelle un paio di cross, ma il suo lavoro per la squadra è encomiabile. La fascia destra è suo territorio, i brasiliani che si avvicinano vengono spazzati via.

Wijnaldum 7- Partita quasi perfetta. Oltre al gol,  è il punto di riferimento a centrocampo in assenza di Sneijder ed interpreta questo ruolo alla perfezione. Giocate anche difficili con naturalezza, concretezza in copertura e ottimo lavoro di collegamento tra i reparti.

Clasie 6.5- Mette ordine in mezzo al campo e smista palloni con disarmante semplicità. Sicurezza da veterano palla al piede nonostante la giovane età.

De Guzman 6- E’ il meno estroverso tra i tre centrocampisti, ma la sua partita è abbondantemente sufficiente. Limita le azioni dei sue pari verdeoro e quando può si propone in avanti.

Blind 6.5- Solita partita di sostanza, con il piccolo extra della rete del 2 a 0. Peccato per l’infortunio subito nello scontro con Oscar.

Robben 7.5– Mette lo zampino in ogni azione da rete. E’ lui il vero leader della squadra e quando è in partita non ce n’è per nessuno…quasi nessuno. Ah, se non ci fosse stato Mascherano!

Van Persie 6- Segna il rigore e poco più. Thiago Silva lo limita in tutti i suoi spostamenti, riesce in qualche sponda ma per essere pericolosi i compagni non hanno bisogno di lui.

 (Janmaat 6.5, Veltman s.v., Vorm s.v.)