SHARE

david luiz piange

Il Brasile vive un momento drammatico dal punto di vista calcistico, dopo aver assistito alla doppia umiliazione della sua Nazionale nei Mondiali casalinghi che da festa sono mutati in incubo. Ovviamente, sono moltissimi i calciatori finiti sotto la lente d’ingrandimento della critica per il loro rendimento al di sotto delle attese. Tra questi, facilmente individuabile anche David Luiz, il più costoso difensore della storia del calcio secondo le folli cifre dei petroldollari arabi con cui il PSG lo ha acquistato.

Il difensore carioca, tra le tante critiche, ne riceve una più da un personaggio più che illustre: si parla di Gary Lineker, correttissimo ex attaccante inglese (mai ammonito o espulso in carriera), che anni fa si rese già protagonista di un’aforisma pallonaro passato alla storia (“Il calcio è un gioco semplice: 22 uomini rincorrono un pallone per 90 minuti, e alla fine la Germania vince”). Questa volta l’ex colonna dei Tre Leoni si scaglia sul centrale ex Chelsea, inquadrando quello che risulta essere il pensiero di milioni di appassionati. Racchiuso in una breve frase dalle sembianze mietitrici: “Mi dispiace per il PSG, ma David Luiz non è un difensore e non lo sarà mai”.

Quasi impossibile dargli torto: David Luiz ha spesso fatto vedere il meglio del suo repertorio in posizione mediana, come playmaker di centrocampo. Ora a tremare è proprio il PSG, che rischia di aver speso tantissimi soldi per un giocatore posizionato in un ruolo sbagliato e che potrebbe non rendere all’altezza delle aspettative. Rischi di un calcio mercato dove conta più la moneta che il reale valore di un giocatore.

 

 

Claudio Agave

https://twitter.com/ClAgaTVOV