SHARE

112049322-c25e249a-9f27-460c-957a-63dc4a19ecae

Il presidente del Coni Giovanni Malagò , ha tracciato le caratteristiche che dovrà avere il prossimo presidente federale, che fin da subito deciderà il nome del ct della nazionale.

Questo il suo identikit: Il mio auspicio è che nell’assemblea elettiva dell’11 agosto ci sia un candidato che sappia prendere il massimo dei consensi, perché non vorrei rischiare, negli interessi del calcio e in assoluto del Paese, che questo candidato anziché unire divida”, afferma Malagò.

Malagò continua evidenziando i limiti delle competenze del CONI“Il Coni, normative alla mano, non può fare assolutamente niente. Perché non si può che rispettare quello che i tesserati desiderano. Sono molto tirato per la giacchetta da diverse settimane, anche da persone influenti che stimo e dalle istituzioni. Io rispondo a tutti, ma credo che non si conoscano bene le norme in merito”.

Malagò chiude non escludendo la possibilità di un commissariamento:  “Stiamo a vedere, – ha detto – se poi dovesse esserci l’esigenza, che è tutta un’altra questione, il Coni farà la sua parte. Con un commissariamento? Sì, ma con questo tipo di dinamiche statutarie oggi di fatto, essendo venuto meno il veto delle componenti, ritengo che sia abbastanza improbabile che avvenga ciò. Però stiamo a vedere”.