SHARE

Chiellini

Il quotidiano ceco Deník Sport ha pubblicato una lunga intervista al membro del cda della Juventus Pavel Nedved. Il tema centrale nelle parole dell’ex stella bianconera è stata la vicenda tra Suarez-Chiellini. Il ceco, un po’ a sorpresa, ha preso le parti dell’uruguagio.

CHIELLINI BAMBINO – “Per certi versi Suarez lo capisco, ero un giocatore simile a lui, anche se certe cose non le approvo. Nonostante questo ero furioso per la reazione di Chiellini. Si è comportato come un bambino mostrando il morso all’arbitro”.

GIUSTE SCUSE – “Ha dimostrato la sua intelligenza parlando nei giorni successivi e chiedendo alla Fifa di accorciare la squalifica a Suarez”.

L’AVEVAMO PRESO – “ Suarez è un grande giocatore, lo prenderei subito alla Juventus. Anzi lo stavamo per prendere due anni fa e io ero d’accordissimo: è un campione e basta”.

ITALIA FUORI, BENE PER LA JUVE – “Non mi aspettavo che l’Italia uscisse così presto, anche se logicamente sono contento per la Juventus, perché così hanno potuto fare vacanze più lunghe e riposarsi”.

IL MERCATO – “Il vero mercato non è ancora iniziato. C’era il Mondiale e tutti aspettavano la fine. La nostra strategia è chiara: vogliamo tenere tutti i nostri migliori giocatori, si chiamino Vidal o Pogba. Non vogliamo vendere nessuno e in particolar modo Vidal. Certo, in caso di un’offerta particolarmente alta avremmo il dovere di pensarci, ma non vogliamo cedere i campioni. Vogliamo essere competitivi in Champions e le uniche cessioni erano giocatori che non facevano parte dei nostri piani”.

SHARE