SHARE

Shakhatar

La notizia della scomparsa di sei giocatori dello Shakhtar Donetsk, a seguito di un’amichevole contro il Lione, aveva fatto il giro del mondo in poche ore, allarmando il mondo del calcio ucraino e internazionale. E’ arrivata oggi la risposta dei sei giocatori brasiliani che, tramite il profilo Instagram di Dentinho, hanno spiegato le proprie ragioni. Gli altri 5 giocatori sono Teixeira, Costa, Ismaily, Ferreira e Tayson.

ABBIAMO PAURA – “Vogliamo chiarire che la decisione di tornare in Ucraina non è stata indotta da altri: abbiamo preso questa decisione di comune accordo, in una riunione con tutti i brasiliani della squadra e le rispettive famiglie. Inoltre, non c’è alcun problema con il club, nelle passate stagioni ci siamo sempre presentati regolarmente ma stavolta, a causa del conflitto in atto abbiamo paura e non vogliamo mettere a repentaglio la vita nostra e dei nostri cari”.

PER LA MIA FAMIGLIA – “Voglio far sapere al mio club che voglio lavorare, voglio giocare ma non posso permettere che la mia famiglia rischi la vita; abbiamo letto di molte ambasciate che hanno sconsigliato di andare in Ucraina. La mia domanda è questa? Voi ci mandereste i vostri figli?”.

 

SHARE