SHARE

quagliarella toro

E’ ormai ufficiale da qualche giorno, Fabio Quagliarella ha lasciato la Juventus, ma non Torino, approdando ai rivali granata di Giampiero Ventura, che saranno impegnati nel preliminare di Europa League. Oggi è stato presentato in conferenza stampa l’attaccante di Castellamare di Stabia, nel suo ritorno al Torino a distanza di 9 anni. Ecco quanto dichiarato da Quagliarella: “Per me questo è un ritorno alle origini: qui al Torino sono cresciuto calcisticamente e come uomo, del resto sono arrivato in granata a tredici anni e questa maglia la conosco bene. Il gruppo è affiatato, mi sto mettendo a disposizione dei compagni e del mister e spero di ritagliarmi uno spazio importante”.

RITORNO GRANATA – Come detto per Quagliarella è la seconda esperienza granata, a distanza di 9 anni dall’ultima volta: “Nel 2005 rimasi in attesa di una telefonata per tornare, ma ci sono stati problemi e dopo quindici giorni arrivò la chiamata dell’Udinese che mi prese, non è stata affatto una scelta mia. Non volevo andare via, ma la mia carriera è andata così: forse era destino. E’ normale che in quel periodo lì mi sia dispiaciuto molto, non è stato facile, eravamo un settore giovanile e una squadra molto importante. Perché ancora qui? È la mia seconda casa e conosco benissimo questo ambiente”.

RIVALITA’ CITTADINA – Fabio Quagliarella, dopo 4 anni con la maglia dei rivali juventini è pronto a riconquistare l’amore dei supporters granata: “Quattro anni alla Juventus non li posso cancellare, ho vinto e sono stati anni stupendi. Ora però faccio parte del Toro e il mio obiettivo è far gioire i tifosi il più possibile, capisco benissimo la rivalità tra le tifoserie ma sono un professionista e col lavoro e l’impegno spero di conquistare i tifosi. Lavoro con Ventura? Con Conte ho faticato molto, stiamo mettendo benzina nelle gambe e questo è fondamentale. Preferisco essere in forma più avanti, non a luglio”.

SHARE