SHARE

cassano

Antonio Cassano ne ha per tutti. Intervenuto in conferenza stampa al rientro dalle vacanze, il giocatore del Parma ha attaccato stampa e Mazzarri, elogiando invece Prandelli, Leonardi e Donadoni, soffermandosi poi sul suo futuro e su quello del club emiliano: un vero e proprio fiume in piena.

FANGO&VINO – Il fantasista di Bari vecchia torna sui Mondiali, negando screzi nello spogliatoio: “Qualcuno si è divertito a buttare sporcizia su me e Buffon: io facevo gruppo con tutti, in particolare con lui. Prandelli? Posso solo ringraziarlo, l’Italia deve ringraziarlo. Con me s’è comportato bene, io con lui. Io bicchiere rotto al Mondiale? Se la sono inventata, credo che qualcuno quel bicchiere se lo sia bevuto. Pieno di vino però…. Ho detto a Buffon che a 32 anni non avrei sbroccato. E così è stato. M’hanno preso come caprio espiatorio. Ho letto tante falsità”.

FUTURO – “Io resto a Parma al 100%. Io sto benissimo qui,rimarrò e chiuderò la carriera al 99% qui. Finché rimarranno Leonardi e Donadoni, fondamentali per me, non me ne andrò mai: la città mi piace, è un po’ altezzosa come me. Quest’anno vogliamo riprenderci quanto ci hanno tolto in maniera vergognosa, è uno stimolo più grande del Mondiale. Ora sarà più dura per tutti venire a giocare a Parma, voglio che quando le squadre verranno al Tardini trovino un inferno. In futuro non voglio fare il pagliaccio che giocherà fino ai 36, 37, 40 anni. Ho avuto un’offerta dagli Emirati ma ho detto di no perchè la mia felicità è qui a Parma. Quando arriverà il mio momento mi ritirerò. Non so cosa farò, anche perché non so fare niente”. “.

MERCATO&SPOGLIATOIO – “L’ultimo dei miei problemi è il mercato del Parma, perché c’è Leonardi, uno che con un fazzoletto ti costruisce la Casa Bianca. Spero rimanga Paletta, il migliore in Italia con Barzagli: Gabriel ha grande personalità, è un bravo ragazzo. Non ha buona stampa in Italia, è stato massacrato per questo. Belfodil? Quest’anno dipende solo da lui, è anche un bravo ragazzo, se dà continuità è un acquisto straordinario. Io leader? Ho una grande personalità, ho una grande responsabilità fin da quando ho iniziato a giocare, ma non posso dire di essere un leader. I leader sono Lucarelli, spero Mattia Cassani. Io posso solo dare la mia spalla a tutti. Raggiungimento del peso forma? Ci vogliono almeno 2 anni. Ho fatto tante cazzate, ma non posso tornare indietro”.

SCUDETTO – “Mi auguro che a vincerlo sua l’Inter, ma non per l’allenatore. Tifo Inter, ma quello che sta in panchina…”.

 

SHARE