SHARE

galliani

Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, ha fatto il punto del mercato rossonero ieri all’esterno dell’ingresso nella sede della Lega Calcio. Il plenipotenziario del club lombardo non ha nascosto qualche difficoltà per la cessione di Robinho, che non ha seguito la squadra nella tournée nordamericana per la International Guinness Cup 2014 allo scopo di definire il proprio futuro.

SE BINHO NON SE NE VA… – Galliani ha dichiarato: “Siamo in attesa di offerte per Robinho, con l’Orlando City c’è un discorso in ballo con anche una offerta ufficiale della compagine americana, ma siamo molto molto lontani, c’è un vuoto tra la nostra richiesta e quanto sono disposti loro a darci in cambio. Sono pessimista, e finché il brasiliano non andrà via non potremo fare nulla, né per Cerci né per altri. Taarabt? E’ una pista percorribile anche se Inzaghi vuole un attaccante prettamente mancino per la corsia di sinistra ed il Milan cercherà di accontentarlo”.

COSTA, ECCOME SE COSTA… – Su Douglas Costa, il veloce cursore di fascia offensivo dello Shakhtar Donetsk, Galliani dice: “Non è mai stato protagonista di una trattativa del Milan. E’ molto forte ma costa anche tantissimo in virtù di una clausola di rescissione con il club ucraino di ben 50 milioni di euro, cosa che lo rende praticamente irraggiungibile”.

MASTOUR TRA I GRANDI – Per finire Galliani parla di alcuni elementi del Milan targato Pippo Inzaghi: “Lo staff tecnico mi tiene informato di continuo sul lavoro svolto da Balotelli in allenamento, lui è fortissimo e non bisogna demonizzarlo. Mastour? Ha un talento incredibile, non dovremo caricarlo di troppe responsabilità. Ha solo 16 anni ma in tanti volevano portarcelo via e potevano farlo anche gratis dato che il ragazzo è ancora minorenne, ma per fortuna è ancora un giocatore del Milan, che fa parte della prima squadra ormai. Si allenerà sempre con Inzaghi e poi la domenica vedremo dove giocherà”.

SHARE