SHARE

 

mourinho

Se non punzecchia i suoi avversari non è lui: Josè Mourinho nell’ultimo suo intervento con i giornalisti non ha risparmiato qualche frecciatina al Manchester United a proposito dell’ingaggio a suon di milioni (ben 35!) di Luke Shaw, giovane terzino sinistro che i Red Devils hanno prelevato dal Southampton. Sul 19enne giocatore Mourinho ha detto quasi divertito: “Se il Chelsea avesse accettato le sue spropositate richieste per quanto riguarda l’ingaggio da percepire a quest’ora saremmo tutti morti! Il nostro fair play finanziario, che rispettiamo scrupolosamente, sarebbe andato a farsi friggere, e così pure la stabilità dello spogliatoio”.

TUTTI VOGLIONO L’AUMENTO – Mourinho aggiunge: “E’ inammissibile che un ragazzo di 19 anni venga pagato tanti soldi, sia per il costo del cartellino che per l’ingaggio. Se lo fai con uno poi dopo tutti i ragazzini che hai in squadra si sentiranno in dovere di poter chiedere un aumento, e non solo i giovani. Potrebbe benissimo accadere che venga un veterano a dirti: “Come mai io gioco 200 partite per questo club e poi arriva questo ragazzino che guadagna più di me?”.

MEMORIA CORTA – Alla fine però Mourinho corregge il tiro: “Attenzione, non sto criticando nessuna squadra per l’aver pagato queste cifre, gli altri possono agire come meglio credono, ma con ciò voglio dire che per il Chelsea questo comportamento sarebbe estremamente negativo”. Forse però Mourinho dimentica le folli spese della sua prima gestione al Chelsea, senza dimenticare gli ingaggi mulimilionari di Diego Costa e Filipe Luis dall’Atletico Madrid di poche settimane fa.

SHARE