SHARE

anigo

 

Drammatica confessione quella rilasciata da Josè Anigo, ex direttore sportivo del Marsiglia e da poche settimane diventato osservatore del club ora allenato da Marcelo Bielsa. Anigo, che per buona parte della scorsa stagione ha anche vestito i panni di mister della formazione francese in panchina dopo l’esonero del tecnico Elie Baup, lo scorso settembre ha perso il figlio Adrien, e proprio a proposito di questo terribile avvenimento ha dichiarato al network transalpino Paris Match: “Mi trovavo a Napoli per affrontare la compagine italiana in Champions League, eravamo in albergo ed io mi ero affacciato sulla terrazza dell’albergo dove risiedevamo…”.

SOSPESO – Il racconto di Anigo continua: “Ho guardato in basso pensando che fosse giunto il momento di ricongiungermi con mio figlio. La mia vita in quegli istanti è stata appesa ad un filo, poi ho pensato che non potevo abbandonare la mia famiglia”. Adrien Anigo è stato assassinato a settembre 2013 con due colpi di pistola, uno alla testa ed uno alla carotide. In passato aveva avuto problemi con la giustizia a causa di precedenti per furto culminati in arresto (poi annullato) nel 2010 per un vizio di procedura. Sposato, gestiva un negozio di abbigliamento sportivo ed un bar molto frequentato nel centro di Marsiglia.

SHARE