SHARE

matri

Per i fanta-allenatori più accaniti, ecco una piccola analisi di quanto emerso in seguito all’amichevole Brescia-Genoa da noi seguita, con alcuni consigli sui vostri potenziali acquisti della squadra ligure.

Modulo- La squadra di Gasperini si schiera con un 3-4-3 con due esterni d’attacco, in caso di assenza di Perotti (non impiegato in questa amichevole)  non propriamente di ruolo. Lo schema può, però, variare a seconda delle esigenze, con giocatori molto versatili che possono essere impiegati in posizioni differenti. Il modulo può trasformarsi in un 3-4-1-2 oppure, in casi estremi, in 4-4-2, con Marchese scalato nel ruolo di terzino sinistro ed Antonelli avanzato nel ruolo di ala. In quest’ultima ipotesi, può diventare importante il ruolo di un giocatore come Santana, unica vera alternativa come esterno offensivo. In ogni caso il modulo di partenza sembra essere quello più adatto a far rendere al meglio la squadra.

Fase difensiva- Dal punto di vista fisico i tre centrali genoani sono quasi insormontabili, ma pagano forse qualcosa per quanto riguarda la corsa e la posizione. I visibili errori nel tenere la linea alta possono diventare letali per una squadra spesso non attenta nella copertura in transizione negativa e ciò può avere conseguenza nefaste sui voti dei centrali. Marchese è il meno reattivo nel salire e mettere in fuorigioco gli attaccanti, pagando forse la sua scarsa esperienza come centrale di difesa. Burdisso, pur rischiando qualche giallo di troppo, è il leader della difesa e, con il dovuto sostegno, può regalare la sufficienza con continuità, mentre De Maio è forse il giocatore che più degli altri è appetibile: poche sbavature e costante presenza in attacco sulle palle ferme, può diventare l’arma in più di una difesa che cerca il bonus.

EsterniAntonelli è un acquisto positivo per qualsiasi fanta-squadra. La fascia di capitano al suo braccio sembra avergli infuso nuova fiducia e la sua spinta sulla sinistra è pressoché indispensabile per lo sviluppo della manovra rosso-blu. Per regalarvi dei punti bonus su assist non è necessario che in area ci sia una prima punta: contro il Brescia anche Kucka si è dimostrato un partner affidabile per i suoi cross. Sulla destra Sampiririsi tende a bilanciare lo slancio offensivo di Antonelli, ma con Rosi in campo le cose dovrebbero cambiare. Non vi affidate esclusivamente all’uno o all’altro, se potete prendeteli in coppia.

Centrocampo– La linea mediana vista in azione al Rigamonti è di certo molto tecnica, ma Sturaro, Bertolacci e Greco difettano in fase di copertura e questo potrebbe influire sulla loro valutazione. Tra i tre, Bertolacci sembra essere quello più propenso ad essere il faro del gioco, toccando un gran numero di palloni e cercando l’imbucata per le punte. Sturaro può produrre bonus calciando punizioni e corner mentre Greco è molto versatile, potendo essere impiegato (come contro il Brescia)  come esterno d’attacco o dietro le punte. Kucka è di certo il centrocampista che può fare la differenza. Pur non avendo il passo dell’attaccante, viene spesso schierato da Gasperini nel reparto offensivo e, sfruttando le sue doti fisiche più che quelle tecniche, potrebbe essere la rivelazione del vostro centrocampo apparentemente “muscolare”.

Attacco– Il match amichevole contro il Brescia ha mostrato tutte le difficoltà della squadra di Gasperini nel sopperire all’assenza di Matri. Il bomber ex Juve e Milan è il finalizzatore naturale per il gioco dei rossoblu che, sviluppandosi principalmente sulle fasce, non riesce a trovare sbocchi nel momento in cui manca un riferimento offensivo. Ragusa può essere un’alternativa, ma con caratteristiche totalmente differenti: l’ex Pescara è una punta di movimento ed è più propenso a cercare la profondità che ad occupare l’area di rigore. In ogni caso potrebbe essere schierato anche su una delle due fasce, quindi se avete qualche milione extra fateci un pensierino. Di sicuro un vice Matri è la necessità del momento, poiché il sistema di Gasperini tende a non trovare sbocchi senza il lavoro sporco di una prima punta di ruolo.

 

Dai nostri inviati Domenico Silvestro ed Andrea Martelli

SHARE