SHARE

jamesrodriguez

L’ex amministratore delegato del Catania, Sergio Gasparin, racconta, in un’intervista alla Gazzetta dello Sport un interessante retroscena riguardo i possibili acquisti di James Rodriguez e Iturbe ai tempi in cui era direttore generale della Sampdoria.

Gasparin, cominciamo da James Rodriguez

“In tutta onestà devo dire che mi accorsi di lui quando ero all’Udinese: giocava nel Banfield, in Argentina, e le relazioni dei nostri osservatori erano tutte positive. Era molto giovane, ma aveva già discreta fama, la Juve lo aveva adocchiato. Se lo prese il Porto con una mega offerta da sei milioni, senonché in Portogallo il ragazzo non si ambientò subito, i primi mesi furono difficili. Nel frattempo io passai alla Samp e così a dicembre del 2010 trovai un’intesa col Porto per gennaio 2011: 500/600 mila euro per il prestito, con diritto di riscatto a sei milioni e mezzo”.

Che cosa accadde?

“Che la proprietà, la famiglia Garrone, non se la sentì di chiudere l’affare e questo fu uno dei motivi per cui pochi giorni dopo mi dimisi. Capii che non c’era la volontà di fare “trading”, di acquistare giovani promettenti per poi rivenderli e realizzare plusvalenze”.

Chi disse no? I Garrone o Antonio Guastoni, l’allora uomo dei conti del Doria?

“Formalmente Guastoni, ma la divergenza fu con la proprietà, non la pensavamo allo stesso modo sul mercato estero come fonte di opportunità e risorse. In seguito con Edoardo Garrone ci siamo chiariti. C’erano tante spese, un bilancio da sistemare. Guastoni era operativo da molti anni, io da pochi mesi. Posso capire. Certo, l’amarezza resta. James Rodriguez avrebbe cambiato la storia della Samp”.

Iturbe?

“Più o meno stesso iter. Il ragazzo era in scadenza, c’era conflittualità tra la società d’origine che ne deteneva i diritti e il fondo che controllava parte del cartellino. Mandai Renato Favero in Argentina, perché Iturbe giocava nel Quilmes, andammo avanti nella trattativa. Ci accordammo col Cerro Porteno club proprietario e gli altri soggetti. Tre milioni di euro per l’acquisto. Altro no dei Garrone e di Guastoni. Idem con Kucka. Potevamo prenderlo a un milione e 800 mila. Niente. Alla fine andò al Genoa”.

SHARE