SHARE

Inter

Dopo il summit di Washington nella notte italiana, si è aperta ufficialmente la seconda fase del mercato dell’Inter. Nella capitale statunitense, insieme al presidente Erick Thohir, erano presenti tutti gli organi di direzione della società nerazzurra, dal direttore generale da Marco Fassone, passando per il neo-direttore marketing Claire Lewis, fino al responsabile dell’area tecnica Piero Ausilio. Proprio l’incontro con quest’ultimo ha delineato le strategie di mercato che l’Inter attuerà nel mese di agosto.

SGAMBETTO PRANDELLI – Dopo quella legata al francese M’Vila, anche l’acquisto di Medel dal Cardiff ha preso con il passare dei giorni i contorni di una telenovela. L’ultima offerta nerazzurra ammonta a 7 milioni di euro più 2 di bonus (uno per il piazzamento in Champions League, uno per la vittoria dello Scudetto) pagabili in 3 anni (un milione subito e gli altri 6 nei restanti 2 anni). La domanda del Cardiff invece rimane di 8 milioni (più 2 di bonus) ma soprattutto che i soldi siano versati in due anni e non in tre. Oltre alle divergenze economiche, che con il passare delle settimane sarebbe state comunque limate, il colpo di scena che potrebbe fare tramontare la trattativa è il forte inserimento del Galatasaray nella trattativa. Lo stesso presidente del club gallese Dalman ha fatto sapere di nuove offerte da parte di alcuni club e tra questi figura la squadra di Prandelli, che ha richiesto il cileno per puntellare la mediana turca.

PIANO B – Nel caso di un mancato arrivo di Medel, i nerazzurri potrebbe nuovamente virare sullo svizzero Valon Behrami, del tutto fuori dai piani di Benitez al Napoli che l’ha lasciato in tribuna nell’amichevole contro il Kalloni. La richiesta dei partenopei è di 7 mln di euro, proprio la stessa offerta che l’Inter ha presentato per Medel. Non è da escludere l’ipotesi di un arrivo di Behrami congiuntamente al Pitbull cileno, soprattutto se l’Inter riuscisse a piazzare in uscita Kuzmanovic ma soprattutto Guarin.

DOVE VAI GUARO? – Il centrocampista colombiano è stato scelto dalla dirigenza e da Mazzarri come pedina da sacrificare per un ritorno economico da investire nella fase offensiva. La squadra interessate all’ex Porto non sono poche (Monaco, Wolfsburg, Atletico Madrid), ma offerte vicine ai 18 mln richieste dai nerazzurri tardano ad arrivare. Un nuovo interessante scenario potrebbe aprirsi proprio nelle prossime ore in vista dell’amichevole contro il Manchester United dove, secondo i media inglese, le due società parleranno proprio di Guarin e di Javier Hernandez.

ALLA FINE ARRIVA…OSVALDO – Con il messicano da un lato e il colombiano Bacca dall’altro, l’Inter intanto ha praticamente chiuso per riportare in Italia Pablo Daniel Osvaldo. Dopo quello del giocatore, Ausilio ha incassato il sì del Southampton per un prestito annuale per una cifra inferiore al milione di euro, e un riscatto intorno ai 15 mln. L’ultima parola spetta a Mazzarri che, dopo aver cercato a lungo l’italo-argentino, è titubante sul’arrivo dell’ex Roma per le similitudini tecniche con il numero 9 in rosa Mauro Icardi.

 

 

SHARE