SHARE

Detenuti

Come strumento sociale apprezzato ed amato, il calcio ha necessità di proporre valori positivi e di rappresentare una chance concreta anche per chi nella vita di possibilità ne ha poche. La storia di oggi, in tal senso, è indicativa.

Nella Terza Categoria padovana, infatti, debutterà l’anno prossima una squadra formata totalmente da detenuti. L’ufficializzazione dell’iscrizione è già avvenuta da pochi giorni e addirittura è già pronta una rosa di ben 30 calciatori, selezionati tra oltre 70 carcerati, che sta andando incontro ad una preparazione fisica e atletica. A riportare la notizia, Il Mattino Di Padova.

L’iniziativa è stata appoggiata in primis dalla casa circondariale, il Due Palazzi di Padova, oltre che dal Ministero della Giustizia e della Lega Nazionale Dilettanti. La squadra, ironia della sorte (molto voluta), si chiamerà Pallalpiede (nomen omen) e parteciperà al torneo di Terza Categoria fuori classifica. Le gare casalinghe si giocheranno tutte al Due Palazzi e l’allenatore sarà Valter Bedin. Il Presidente del Comitato Regionale Veneto della FIGC Giuseppe Ruzza spiega altri dettagli dell’iniziativa: La squadra parteciperà fuori classifica e giocherà tutte le partite al Due Palazzi, in un campo che è stato appena omologato per la categoria. Per motivi di sicurezza, la direzione del carcere otterrà in anticipo tutte le distinte degli avversari e le generalità dell’arbitro. Sarà composta al 90% da ragazzi stranieri e sarà uno spot per tutto il calcio italiano. In questo senso, un enorme ringraziamento va alla polisportiva San Precario, che ha portato avanti l’impegno”.

Il Pallalpiede è solo il culmine di un progetto nato anni fa dal San Precario e dalla Nairi Onlus (un’associazione che si occupa di diritti umani) e che prende il nome di “Rimettiamoci in gioco”, un progetto che vide il suo massimo splendore in una partita tra Detenuti Due Palazzi e San Precario, terminata per la cronaca 3-2. Quello del Pallalpiede è un caso rarissimo in Italia: sono pochissime infatti le squadre sportive di detenuti (un altro esempio è il team di rugby La Drola nel carcere Lorusso E Cutugno di Torino). Pallalpiede non si occuperà solo di calcio: sarà infatti una polisportiva che si occuperà anche di basket e di volley.

 

Claudio Agave

https://twitter.com/ClAgaTVOV

SHARE