SHARE

burkina faso

Sei anni ha dovuto aspettare il club di Ouagadougou per riportare nella sua bacheca il titolo nazionale.

La trentesima ed ultima giornata del campionato è stata differita di un giorno a seguito dell’incidente occorso all’MD-83 dell’Air Algerie precipitato in Mali e che trasportava, tra i 118 passeggeri, una ventina di cittadini burkinabè. Minuto di silenzio sui campi e giocatori con il lutto al braccio per questo ultimo atto che ha visto la vittoria dell’Etoile Filante nel derby contro l’Us Ouagadougou per 1-0: il bolide da 30 metri del capitano Aboubacar Traorè si infila nella porta difesa da Seni Ouedraogo; il difensore, uno dei migliori giocatori del campionato, è uno specialista delle punizioni vincenti, 5 le sue reti quest’anno. Lo stadio municipale della capitale è stato preso d’assalto da numerosi spettatori, specialmente tifosi bianco-blu, che si sono poi riversati sul terreno di gioco al triplice fischio dell’arbitro.

Con questo successo di misura gli stellati hanno mantenuto i tre punti di vantaggio sull’Usfa (inutilmente vittoriosa sul Bps Koudougou per 4-0) e raggiunto l’Asfa Yennenga (trionfatore negli ultimi cinque anni) in cima alla classifica dei club più titolati, con i 13 trofei nazionali di Prima divisione conquistati.

Mister Garba, alla fine del match, ha voluto ricordare Antoine Ouedraogo, recentemente scomparso, e dedicare questo exploit all’allenatore maliano Aliou Badra Diallo che qualche settimana fa ha dovuto lasciare la squadra e rientrare nel proprio paese per delle cure.

di Max D’Amato

SHARE