SHARE

Juve Stabia

La Juve Stabia, club campano che nella scorsa stagione è retrocesso dalla Serie B alla Lega Pro posizionandosi all’ultimo posto, chiederà ufficialmente il ripescaggio in Serie B.

E’ questa, a quanto sembra, l’intenzione del club e del Patron della Juve Stabia Franco Manniello, oltre che del Presidente Improta. E’ proprio Manniello, con alcune dichiarazioni raccolte da resport.it, a spiegare le motivazioni di questa decisione: “Ero a cena con la famiglia e mi ha chiamato Improta dicendo che aveva visto leggendo la delibera del consiglio federale della Figc che il ricorso del Novara per la riammissione in Serie B era stato dichiarato inammissibile perché aveva scontato una sanzione per illecito sportivo nella stagione 2012/13. E mi dice che la Juve Stabia potrebbe essere riammessa e che quindi bisognerebbe preparare gli incartamenti in fretta. Mi fermo un attimo e comincio a balbettare dalla gioia. Però dico a Improta di aspettare perché voglio fare una verifica con l’avvocato Chiacchio. Lo chiamo e lui mi raggela subito perché mi ricorda che la Juve Stabia ha avuto una penalizzazione nella prima stagione della serie B. Va bene dico e vedo il mio sogno svanire in un attimo. Però a cena con me era presente mio figlio Alessandro che sente la telefonata e con il tablet comincia a smanettare su internet. Dopo poco mi si avvicina e mi dice “papà, possiamo fare la domanda perché la norma si riferisce ai due anni precedenti“. Mi ritorna il sorriso, mi riattacco al telefono e richiamo Chiacchio. Gli spiego la cosa e lui mi ripete dammi qualche minuto che la guardo anche io. Mi richiama dopo cinque minuti e mi dice che si può fare e che dobbiamo preparare subito l’incartamento. A quel punto chiamo Improta , Clemente Filippi, il segretario e dico di mettersi subito al lavoro. Ci sono buone speranze di riammissione in B?  Credo di si ma non dipende da noi. A dire il vero io sono convinto che la Lega vorrebbe un campionato a 21 squadre. E tra l’altro noi siamo stati pure sfortunati perché nel caso fosse stato accettato il ricorso del Novara, scoperta la norma, noi avremmo avuto di diritto l’accesso alla serie B al posto dei piemontesi. Ma oggi non è così. Certo c’è la pressione di Sky sulla Lega per un campionato a 22 squadre. Ma bisogna capire il loro orientamento. A noi a questo punto non costa niente preparare l’incartamento e portarlo in Lega. Se dovessimo tornare in B dal punto di vista economico sarebbe qualcosa di grandioso. Una piccola realtà sportiva come la nostra è l’unica in questo momento in Italia ad avere le carte in regola per il ripescaggio in Serie B. E scusate se è poco.”

 

Claudio Agave

https://twitter.com/ClAgaTVOV

 

SHARE