SHARE

figc

Cambiano i pensieri, cambiano le persone, cambia il calcio, eppure le maglie, o divise che dir si voglia, delle squadre di Serie A sono cambiate ma sono rimaste pur sempre le stesse, modificate magari nello stile, in qualche particolarità, eppure sempre fedeli, quasi mai fin troppo “inquinate” da elementi extra. Da oggi non sarà più così, o meglio, non dovrebbe essere più così, a deciderlo è stata la FIGC con una mossa a sorpresa che ha aperto al 4° sponsor sulle maglie da gioco, prendendo in considerazione la modifica dell’art. 72 delle NOIF, offrendo la possibilità di posizionare sul retro della tenuta da gioco dei calciatori un quarto marchio commerciale.

FIGC ACCONTENTA LA LEGA CALCIO La Federazione accontenta così la richiesta della Lega Calcio della Serie A, mettendo a disposizione un nuovo spazio pubblicitario che possa garantire nuovi introiti alle compagini nostrane obbligate a lottare da sempre con i conti di bilancio. Un segno di apertura notevole che denuncia qualche minimo cambiamento nei piani alti del “palazzo del potere” e che strizza non poco l’occhio ai club nostrani, e che potrebbe lasciar presagire anche un impegno a dedicarsi a prossime riforme subito dopo l’elezione del presidente federale, sperando che non sia il solito “abbocamente”/”contentino” tipico della campagna elettorale pre-voto.

Stefano Mastini (@StefanoMastini1)

SHARE