SHARE

benitez

Rafa Benitez, allenatore del Napoli, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell’amichevole con il Barcellona:

BARCELLONA – “Ho sempre avuto grande rispetto per il Barcellona, abbiamo giocato con il Real Madrid tante partite a livello di settore giovanile, abbiamo giocato due finali. La mia prima partita con l’Extremadura e con il Valladolid è stata disputata contro il Barcellona. Loro hanno sempre avuto la mentalità di fare calcio propositivo, di puntare sul palleggio anche se sono passati dal 3-4-3 al 4-3-3. Il fatturato di una società aiuta moltissimo, il loro mi sembra sia di 500 milioni, è un po’ alto per noi. La strada è questa: avere il bilancio in ordine e continuare a crescere

AMICHEVOLI – “Le partite contro Barcellona e Psg sono delle amichevoli, servono a prepararci per il preliminare di Champions. Sarà difficile anche per loro perché mancheranno vari giocatori che rientrano dai Mondiali”

HIGUAIN – “Ci sarà, verrà con noi, poi dipenderà da lui e dal preparatore atletico se giocherà”

FELLAINI – “Non parliamo di mercato, escono tanti nomi sui giornali. E’ un giocatore del Manchester United, dipende da loro e non da noi, sicuramente ne stiamo parlando”

TAVECCHIO – “Sono così preoccupato sul mercato che non ci ho proprio pensato. Se si pensa alla sfida contro il Barcellona, ci si preoccupa di Iniesta e non di Tavecchio”

SQUADRA“La squadra si sta allenando bene, ma è difficile quando mancano tre-quattro titolari su undici”

MERCATO “Se arriva qualcuno presto, lo inseriamo. Noi l’11 dobbiamo presentare la lista per la Champions”

MASCHERANO“Ho parlato con Javier e il suo procuratore, la porta è completamente chiusa, loro ne hanno parlato con Zubizarreta e Luis Enrique. Io sapevo che era difficilissimo portare Mascherano a Napoli, non è un problema. Sono stato assistente di Del Bosque quando Luis Enrique era in squadra, parlerò tranquillamente con lui”

Al termine della conferenza stampa il tecnico spagnolo è stato intervistato in esclusiva da Sky Sports. Ecco quanto dichiarato:

“Sarà una partita speciale però è sempre un match per preparare al meglio la Champions. Mi aspetto di vedere una squadra con atteggiamento giusto che sappia cosa fare. Il Barcelona è una squadra di livello che permette di capire a che punto siamo. Higuain? Ha tanta voglia di fare bene e vincere, è la mentalità giusta per regalare qualcosa ai tifosi. In due tre giorni non si può andare di fretta e fare errori, dobbiamo trovare il giocatore giusto non solo per le prossime due partite. Fellaini? Non ha giocato nella Guinness Cup, noi dobbiamo aspettare ed essere rispettosi. Torna il Manchester United in questi giorni e vedremo. Abbiamo giocatore che lavorano tantissimo e benissimo per avere una possibilità e restare qua. Dipende dalle uscite per capire se serve un giocatore in un determinato ruolo, è una questione di rispetto. Preparazione? Tanti giocatori sono tornati dal Mondiale, ieri sono arrivati in quattro. I giocatori che hanno iniziato con noi sono al 60-70% mentre quelli arrivati più tardi sono al 50%. Attaccanti? Se loro dimostrano ad ogni allenamento il loro livello, parliamo con loro e con i procuratori per capire. Vedremo le nostre necessità e poi decidere. Parlano di Duvan ma sono molto contento di lui così di Edu Vargas e Walter Gargano ha mostrato carattere e personalità. Questi giocatori saranno importanti per la Champions. Britos? Sono fiducioso, giocare a sinistra è un vantaggio per lui. Ha le caratteristiche giuste per quel ruolo e sono contento della sua abnegazione. Scudetto? C’è anche l’Inter ha cambiato molto e adesso è una delle squadre che potrebbe essere in lizza. C’è anche la Fiorentina ma Roma, Inter e Juventus sono un passo avanti”

SHARE