SHARE

Xavi

Non c’è due senza tre: dopo l’addio alle rispettive Nazionali di appartenenza di campioni quali Lahm e Gerrard, anche un terzo fuoriclasse dice addio alle competizioni internazionali dopo il Mondiale del 2014. Si tratta di Xavi che ha deciso di lasciare la Spagna dopo una lunga camminata a braccetto con la Roja.

Xavi ha comunicato la sua decisione in conferenza stampa: “Lascio la Spagna. Saluto in maniera felice e auguro il meglio alla Nazionale per il futuro. E’ stato un percorso meraviglioso per me, giocare tutti questi anni per la mia Nazionale è stato un onore. Lascio serenamente e sono contento che la Spagna prosegua il suo cammino con Del Bosque. Da oggi la Roja ha un tifoso in più”. Xavi aveva iniziato il suo percorso con la Spagna fin da ragazzino: già nel 1997 era infatti uno dei perni dell’Under 17. Col tempo, il valore del ragazzo si è imposto anche nelle altre rappresentative nazionali, fino a giungere ovviamente a quella della Nazionale Maggiore, conquistata appena tre anni dopo. Dal 2000, Xavi ha collezionato 133 presenze (al secondo posto dietro Casillas) bagnate da 13 reti. Con la Spagna Xavi ha vinto un Mondiale e due Europei.

Il fuoriclasse del Barcellona ha poi chiuso la conferenza con una battuta sul suo futuro nel club:Il mio futuro? Sarà ancora nel Barcellona. Luis Enrique e Zubizzareta mi hanno convinto che posso essere ancora utile. Quanto giocherò ancora? Ho un contratto due stagioni, non cambia nulla”.

 

Claudio Agave

https://twitter.com/ClAgaTVOV

SHARE