SHARE

toro bromma

Toro senza pietà- La partita inizia subito in discesa per i granata, che passano in vantaggio dopo soli tre minuti con una sfortunata autorete del difensore svedese Jonsson, che mette nella sua porta nel tentativo di anticipare Barreto. Il pubblico continua a spingere ed i padroni di casa controllano il match, con l’asse Molinaro/Benassi che mette più volte in apprensione la retroguardia del Bromma. Si fa notare anche Larrondo, ma l’attaccante si fa sovrastare sulle palle alte dai difensori avversari e molte delle palle che arrivano in area vengono allontanate. La fortezza del Bromma resiste fino al 37′, quando un’incursione di Darmian prende alla sprovvista la linea avversaria e la sua conclusione, seppur deviata, beffa il portiere Blazevic. Gli svedesi provano un assalto di puro orgoglio, ma Glik tiene salda la difesa ed il Toro va al riposo difendendo l’ampio vantaggio.

Quagliarella entra e firma- Si riparte sulla falsa riga della prima frazione di gioco, con i granata in attacco e gli svedesi che annaspano in difesa, esaurendo la carica accumulata nel finale di tempo. Il Toro continua a dilagare con Molinaro che serve più volte Nocerino e Barreto senza che questi ultimi riescano ad arrotondare ulteriormente il punteggio. L’ingresso in campo di Quagliarella riscalda i tifosi ma l’attaccante napoletano non punge più di tanto, cosa in cui riesce Bovo che pizzica il palo su calcio di punizione. Le scorribande di Molinaro continuano senza sosta e, in seguito all’ennesimo cross, dopo un batti e ribatti un difensore svedese colpisce con la mano. Dal dischetto si presenta Quagliarella che non sbaglia e porta il risultato sul 3 a 0. Il Toro, indomabile, continua ad attaccare e c’è tempo anche per un gol di Martinez, che firma il poker definitivo con cui si chiude il match. La squadra di Ventura può approdare al turno successivo con ottimi segnali da parte di pubblico e giocatori, con un punteggio davanti ai propri tifosi che fa ben sperare per l’immediato futuro.

Torino-Brommapojkarna 4- 0 (aut. Jonsson, Darmian, Quagliarella, Martinez)

 

SHARE