SHARE

real madrid-fiorentina

Tutto pronto a Varsavia per la sfida amichevole Real Madrid-Fiorentina. Partita di lusso per la squadra gigliata che se la vedrà con un avversario di grandissimo spessore tecnico come il Real campione d’Europa e fresco vincitore della Supercoppa europea. 4-3-3 contro 4-3-1-2, da una parte la coppia inedita formata da Babacar e Gomez, a fronte dell’infortunio di Giuseppe Rossi, con il supporto di Borja Valero, ex di turno. Dall’altra parte il tecnico italiano Carlo Ancelotti risponde con la solita sfilata di stelle, attacco stellare con Rodriguez e Cristiano Ronaldo schierati insieme ad Angel Di Maria. A centrocampo spazio per il Illaramendi, Xabi Alonso e Khedira, con il tedesco dato come sogno di mercato proprio per i gigliati. Sfida che sarà un test importante per la squadra allenata da Vincenzo Montella per “tastare il polso” alla sua viola dopo la preparazione estiva a poco più di un paio di settimane dal difficile impegno di inizio campionato contro la Roma di Garcia all’Olimpico.

TABELLINO REAL MADRID-FIORENTINA

REAL MADRID (4-3-3): Keylor Navas; Arbeloa, Varane, Nacho, Marcelo, Khedira, Illarramendi, Xabi Alonso, Di María, James, Cristiano. All.: Carlo Ancelotti

FIORENTINA (4-3-1-2): Neto, Tomovic, G. Rodriguez, Savic, M. Alonso, Aquilani, Pizarro, Vargas, B. Valero, Babacar, Gomez. All. Vincenzo Montella

GOL: C. Ronaldo 3′, M. Gomez 27′, Marcos Alonso 69′

AMMONITI: Savic

ESPULSI:

CRONACA REAL MADRID-FIORENTINA Pronti via è subito gioco e spettacolo, su azione d’attacco della Fiorentina, con bel tiro di Babacar, da angolo seguente nasce il contropiede dei Blancos, CR7 fa cost to cost e con l’aiuto di Angel Di Maria il portoghese fa 1-0. Real avanti fin dal 3′ minuto di gioco. Al 19′ minuto grandissima girata di Mario Gomez, questa sera capitano della Fiorentina, la palla sibila di un soffio a lato del palo alla destra di Keylor Navas. Il Real fa possesso palla, ma la Fiorentina non demorde, su sbavatura della difesa madrilena recupera palla sulla destra Aquilani, cross dentro e Mario Gomez puntuale ad incornare di testa, palla sotto il sette. 1-1 e partita di nuovo in bilico. Due minuti dopo grande combinazione tra Pizarro e Aquilani in piena area del Madrid, gran colpo al volo dell’ex Liverpool, palla sulla traversa. Al 42′ pericolosissimo tiro cross dalla destra di Tomovic, Fernandez tocca e per poco non sfiora il clamoroso autogol. Primo tempo che si chiude in parità, pubblico di Varsavia che tributa i doverosi applausi ad entrambe le squadre. Real scoppiettante nei primi 20′, dopo è uscita alla grande la Fiorentina.

Seconda frazione che si apre con diversi cambi nelle file del Real, dentro Kroos, Carvajal, Coentrao e Benzema, fuori CR7, Rodriguez, Marcelo e Xabi Alonso. Per la viola tutto invariato. Come nella prima frazione Madrid in pressing alto all’inizio della fase di gioco, Kroos cuce il gioco alla perfezione e le sue triangolazioni mettono in difficoltà il centrocampo viola. Al 68′ cambi anche per la Fiorentina: Brillante e Ilicic per Gomez e Aquilani. Al 69′ la Fiorentina è avanti, lancio profondo per Marcos Alonso che rientra, punta l’area, vince due contrasti contro Khedira e Carvajal e batte di destro in porta, Keylor Navas non può nulla, vantaggio viola. Due minuti più tardi il portiere del Costa Rica è prodigioso! Grande tiro di Vargas dal limite dell’area, altrettanto importante la risposta dell’estremo difensore dei Blancos. Cambi nel finale da entrambe le parti che rivoluzionano le due squadre, ovazione per Wolski, ex Legia Varsavia. All’83 Di Maria grazia la Fiorentina, brutta palla persa dai viola che rimangono scoperti, l’argentino punta Neto ma sbaglia il tocco e la palla sfila fuori. Al 91′ bel contropiede viola, lo orchestra Bernardeschi e Gigli, palla finale per Ilicic che spara di pochissimo a lato. Partita che termina di lì a poco, Fiorentina che vince una bella amichevole giocata con livore da entrambe le parti, ottima la prova dei gigliati nei suoi uomini simbolo davanti ad un Real che non ha concesso nulla a Montella e ai suoi.

Stefano Mastini (@StefanoMastini1)

SHARE