SHARE

G-Ciro-Immobile-und-Klopp_bvbnachrichtenbild_regular

 

Ciro Immobile, attaccante italiano del Borussia Dortmund, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di “La Repubblica”, dove ha parlato del movimento calcistico in Italia e del suo trasferimento in Germania. Ecco le sue dichiarazioni:

CONTE – “Con lui sarà una Nazionale più tosta e sicura di sé. Lui è un martello sulla mentalità del calciatore e del gruppo. Ho parlato con lui, mi avrebbe voluto tenere alla Juve. Hanno deciso Juventus e Borussia Dortmund”.

MONDIALE 2014 – “In Brasile non eravamo uniti, ho visto la differenza con l’Europeo Under 21. Non è colpa di nessuno: talvolta l’ambiente non facilita un rapporto sereno con tutti”.

BALOTELLI – “In un momento di sconforto, Mario se ne è andato sul pullman. Non si era accorto dovesse parlare il mister, poi è tornato. Abbiamo caratteri e caratteristiche diverse, ma possiamo coesistere”.

BORUSSIA – “Mi sono ambientato benissimo. A Klopp piace il mio modo di lottare, mi considera un guerriero. E’ un tecnico carismatico, di cuore”.

CERCI – “Gli ho inviato i miei auguri dopo il tweet dell’annuncio del trasferimento all’Atletico Madrid, ma mi ha spiegato che era falso”.

SCUDETTO E CHAMPIONS – “Lo vince il Napoli, davanti a Roma e Juventus. La Champions? E’ il mio sogno e il motivo per cui sono qui a Dortmund”.

SHARE