SHARE

ancelotti champions

Carlo Ancelotti, reduce dalla sconfitta in Supercoppa di Spagna contro l’Atletico Madrid, ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni sulla situazione attuale del calcio italiano.

Il plurivincente tecnico ex Milan ha parlato del nuovo C.T. della Nazionale Antonio Conte, del panorama qualitativo di giocatori italiani e dell’infelice frase del neo Presidente della FIGC Carlo Tavecchio. Ecco gli stralci principali delle parole di Ancelotti, rilasciate al Corriere Della Sera: “Peccato per ieri sera, ma abbiamo già vinto la Supercoppa Europea e con gli innesti di Kroos e James Rodriguez siamo a livelli incredibili. Il fallimento dell’Italia ai Mondiali è frutto soprattutto della mancanza di qualità. In questo momento il calcio italiano non ha giocatori di livello internazionale. Ci sono sempre i soliti, Pirlo, Buffon, che però sono già stagionati. Dobbiamo aspettare che i giovani maturino. Insigne, De Sciglio, Verratti, Destro, Darmian, Immobile. Anche Balotelli… Ma poi maturerà? E’ un problema di generazione, anche se il calcio italiano deve migliorare sotto tanti aspetti. Ad esempio deve rinnovare le strutture. Le squadre che hanno stadi di proprietà possono investire di più. Il nostro calcio si è sempre basato sui soldi dei grandi industriali: Agnelli, Berlusconi, Moratti. Ora se vogliamo stare al passo dobbiamo trovare altre soluzioni. I tedeschi si sono mossi così. Conte? Stiamo parlando di un allenatore di valore, è giusto che sia pagato. E poi non ho mai visto firmare contratti con la pistola alla tempia. Con lo stipendio del nuovo C.T. si sarebbero potuti pagare 200 insegnanti? Demagogia. Il moralismo sulla questione calcio scommesse? Tutte cazzate. Primo: Conte ha pagato. Secondo: la storia in cui è rimasto invischiato non è ancora del tutto chiara. La frase di Tavecchio? Per me si è trattato di un’uscita infelice nella concitazione di un discorso. Confesso che il fatto che in Italia ci si sia scandalizzati così tanto mi ha stupito. Tutte esagerazioni. Capisco fosse capitato in Inghilterra dove c’è un’attenzione diversa a questi problemi, ma da noi… Ricordo episodi che hanno coinvolto Boateng, Balotelli e Seedorf passati tranquillamente in cavalleria“.

 

Claudio Agave

https://twitter.com/ClAgaTVOV

SHARE