SHARE

conferenzasinisa_mihajlovic_08_60006_immagine_obig

Non usa mezze misure Sinisa Mihajlovic dopo la partita del terzo turno di Coppa Italia vinta per 4-1 dalla sua Sampdoria contro il Como. Nonostante il rotondo successo costruito grazie alla tripletta di Eder ed al gol di Gabbiadini il tecnico serbo sbotta: Abbiamo fatto schifo, 9 su 11 non mi sono piaciuti affatto e se continueremo a giocare così non andremo da nessuna parte. C’è da salvare solamente il risultato mentre tutto il resto è da buttare via”.

SAMP FORTUNATA – “Con tutto il rispetto per i nostri avversari ma siamo stati fortunati ad avere incontrato loro e non qualche altra squadra più competitiva, altrimenti non avremmo vinto – punge Mihajlovic -. Se pensiamo di poterci salvare offrendo un tale spettacolo in campo non faremo molta strada ma soltanto tante brutte figure e dovremo lottare per non retrocedere, cosa che non voglio assolutamente che succeda”.

CALCIO COME LA BOXE – Mihajlovic prosegue nel proprio duro intervento in sala stampa con un esempio molto chiaro: “Ci capita di giocare male quando proviamo a gestire la partita, e spesso anzi perdiamo pure, contro chiunque. Abbiamo trovato presto l’1-0 e poi anche il secondo gol e dopo credevamo che fosse già finito tutto, ma il calcio è come il pugilato: ogni gol subito è un cazzotto che ti fa male ma che ti dà anche la sveglia molte volte, bisogna allora dare quanti più colpi possibili all’avversario, invece noi molto presto ci fermiamo”.

ULTIMI INNESTI – Mihajlovic chiude parlando di mercato e di Gabbiadini, uscito per infortunio: “Manolo starà presto bene, gli ho parlato e non dovrebbe aver subito niente di grave. In settimana dovrebbe arrivare un difensore, forse anche due”.

SHARE