SHARE

AthleticNapoli

 

L’Athletic Bilbao batte di rimonta il Napoli e vola ai gironi di Champions League. La squadra di Benitez è apparsa svuotata e senza motivazione.

PRIMO TEMPO – Il match parte su ritmi blandi con il Napoli, tutto raccolto dietro la linea della palla. L’Athletic Bilbao, col passare dei minuti, inizia a prendere coraggio e organizza le prime trame di gioco che mettono in difficoltà il centrocampo partenoepo. La squadra di Benitez è incapace di uscire dal pressing e sia i difensori che i centrocampisti sono costretti ad effettuare lanci lunghi, preda dei difensori baschi. Muniain e compagni si rendono pericolosi su calcio d’angolo, sfruttando così una delle loro qualità. Per il Napoli, solo Gonzalo Higuain ci prova dalla distanza con un tiro fortissimo che termina poco di fuori. Callejon e Mertens non riescono a dare quella superiorità numerica sulle fasce tanto invocata dal tecnico spagnolo. Iturraspe detta i tempi e l’Athletic potrebbe passare in vantaggio in diverse occasioni, ma i partenopei si salvano e la prima frazione di gioco termina a reti inviolate.

SECONDO TEMPO – A sorpresa il Napoli trova il gol del vantaggio nei primi minuti di secondo tempo con un bel tiro di Marek Hamsik, che supera Iraizoz. L’Athletic non si demoralizza, si rimbocca le maniche ed inizia ad imbastire gioco partendo dalla mediana. Gli uomini di Benitez potrebbero colpire in contropiede, ma l’ultimo passaggio è sempre impreciso. La squadra di Valverde è brillante ed agguanta il pareggio con Aduriz dagli sviluppi di calcio d’angolo, dopo un blocco al centro dell’area di rigore: il povero Maggio si trova ostacolato da Albiol e Laporte. L’Athletic raddoppia dopo pochi minuti complice un pasticcio tra Albiol e Rafael: il portiere del Napoli esce tra i pali, il difensore spagnolo viene anticipato da Aduriz che appoggia il 2-1 in rete a porta vuota. Ancora una volta gli errori dei singoli mettono in ginocchio il Napoli. L’undici di Benitez non ha la forza per reagire: Mertens è stanco, Callejon è impresentabile e non risulta mai pericoloso. Nemmeno i cambi riescono a dare il cambio di ritmo alla formazione partenopea ed arriva il definitivo 3-1 con Ibai Gomez (gol da annullare, Aduriz partecipa attivamente all’azione). Una condizione fisica differente, la mancanza di uomini di qualità e gli errori dei singoli sono state le cause della disfatta del Napoli al San Mames.

SHARE