SHARE

roma-bologna-5-0-pjanic-sistema-palla-punizione

Quando un fantallenatore si presenta in sede d’asta molti sono i dubbi che lo attanagliano: fra questi senza dubbio ci sono i battitori di calci da fermo, che possono portare importanti bonus. Chi sarà il rigorista, che lo specialista in punizioni, chi batterà gli angoli? Cerchiamo di chiarirvi le idee sulle gerarchie nelle 20 squadre di Serie A.

ATALANTA Per i calci di rigore ci sono pochi dubbi: Denis batterà i tiri dagli 11 metri, in caso di assenza del puntero argentino la responsabilità sarà delegata a Luca Cigarini. Il centrocampista emiliano sarà con ogni probabilità il battitore di punizioni e calci d’angolo (in questi ultimi potrebbe alternarsi con Maxi Moralez, non proprio il massimo in situazioni di calcio da fermo con i suoi 160 centimetri).

CAGLIARI Se per i rigori è molto probabile che Sau scalzi Conti (anche se il capitano, ricordiamo, è stato per anni il rigorista della squadra), difficile che il numero 5 rossoblu perda la priorità sui calci di punizione (anche se è interessante la scelta di Avelar nel caso di punizioni dalla metà destra del campo). Per i calci d’angolo il primo battitore sarà con ogni probabilità Cossu.

CESENA Nella scorsa stagione il battitore di rigori, punizioni e calci da fermo è stato Cascione: il centrocampista bianconero potrebbe essere una scelta a sorpresa interessante.

CHIEVO Se sui calci di rigore quello che si prenderà la responsabilità sarà senza dubbio l’ormai veterano clivense Alberto Paloschi, è interessante soffermarsi su punizioni e calci d’angolo. Valter Birsa è l’indiziato numero uno per punizioni e calci d’angolo, ma attenzione al neo acquisto Ruben Botta: il giocatore in prestito dall’Inter potrebbe ritagliarsi uno spazio molto importante in gialloblu.

EMPOLI C’è un grande specialista di calci da fermo nella squadra di Sarri: è Riccardo Saponara, appena arrivato dal Milan. Poi ci sono Francesco Tavano e Massimo Maccarone; su punizioni ed angoli invece troviamo Verdi.

FIORENTINA Se sul rigorista abbiamo pochi dubbi (quando Rossi e Gomez hanno giocato insieme il primo rigorista è stato il tedesco), sui calci d’angolo la certezza è Borja Valero: il centrocampista spagnolo sarà sicuramente il primo battitore di tiri dalla bandierina. Sulle punizioni molte soluzioni offensive: Rossi, Valero e Pasqual i principali indiziati.

GENOA Il primo rigorista sarà con ogni probabilità Iago Falque. Perotti e Bertolacci gli uomini più pericolosi su punizioni e calci d’angolo.

INTER Nella squadra di Mancini troviamo, come nell’Empoli, un unico uomo per tutti i calci piazzati: stiamo parlando ovviamente di Hernanes, giocatore molto duttile e dalla grande tecnica che può calciare indifferentemente sia di destro che di sinistro. Sui rigori attenzione anche allo zampino di Maurito Icardi, uno che quest’anno potrebbe lanciare l’assalto alla classifica cannonieri.

JUVENTUS Se il rigorista ormai affermato è Arturo Vidal, cileno dal sangue freddo, per punizioni e angoli c’è uno dei più grandi specialisti di tutti i tempi: quasi impossibile scalzare Andrea Pirlo dal suo trono. Visto l’infortunio del bresciano nella prima parte di stagione è molto probabile che il rimpiazzo temporaneo sia rappresentato da Carlos Tevez, con subito dietro uno scalpitante Giovinco.

LAZIO Candreva si è guadagnato i galloni del rigorista nella sua esperienza biancoceleste: senza dubbio è lui il primo tirato, con Ledesma (che non troverà facilmente spazio nell’11 di Pioli) subito alle spalle. Per punizioni e corner è probabile che il nome non cambi, ma attenzione alle conclusioni dalla distanza di Parolo.

MILAN Il primo rigorista dovrebbe essere (senza considerare il probabile arrivo di un altro attaccante) Jeremy Menez, ma attenzione ad Honda che sta guadagnando considerazione nelle gerarchie di Inzaghi e potrebbe collocarsi come mezzala. Dovrebbe essere proprio il giapponese il primo incaricato di punizioni e corner in un Milan comunque in continuo divenire.

NAPOLI La prima scelta dal dischetto per Rafa Benitez sarà senza dubbio Gonzalo Higuain: in caso di assenza dell’argentino toccherà al capitano Hamsik. Sui calci d’angolo solitamente va a battere a sinistra l’esterno sinistro (quindi uno fra Insigne e Mertens) e a destra l’esterno destro (Callejon), mentre per le punizioni è continuo ballottaggio a seconda della posizione: le soluzioni possono essere Insigne, Mertens o lo stesso Higuain, senza sottovalutare la botta dalla distanza di Inler.

PALERMO Attenzione al tuttofare Franco Vazquez: l’argentino potrebbe sobbarcarsi la responsabilità di tutti i calci piazzati del Palermo vista la partenza di Hernandez per l’Inghilterra. Sui rigori attenzione a Belotti e Dybala, mentre su punizioni e calci d’angolo il capitano Barreto è più che un’alternativa.

PARMA A Parma è approdato uno dei più grandi specialisti in calci da fermo: il sinistro chirurgico di Lodi può portare molti bonus alla vostra squadra.

ROMA Da chi partire se non da Francesco Totti? Rigori e calci d’angolo sono una prerogativa del capitano della Roma, mentre sui calci di punizione, soprattutto quelli dal limite dell’area, c’è l’inserimento di Pjanic, altro grande specialista in materia.

SAMPDORIA Il primo rigorista blucerchiato, a meno di sorprese, dovrebbe essere il brasiliano Eder. Palombo che rimane un’ottima alternativa.

SASSUOLO La prima scelta neroverde per tutti i calci piazzati è senza tutto quella dell’enfant prodige Berardi: sarà lui il grande accentratore dei bonus della squadra di Di Francesco, un nome su cui puntare fortemente.

TORINO Data la partenza molto probabile di Alessio Cerci, vero titolare dei calci piazzati nella scorsa stagione, fate molta attenzione ad Omar El Kaddouri: come dimostrato nei preliminari di Europa League sarà lui e non Quagliarella il primo rigorista. Sui calci di punizione invece attenzione all’ex Juventus e a Cesare Bovo, altro specialista in materia.

UDINESE Per i bianconeri, come per la Roma, non possiamo che fare il nome del numero 10: Antonio Di Natale è abituato a cantare e portare la croce nel club friulano. In seconda battuta troviamo Bruno Fernandes, uno per cui mister Stramaccioni stravede e che potrebbe trovare un minutaggio consistente nel corso della stagione. Attenzione anche a Thereau come secondo rigorista, a segno proprio dagli 11 metri in Coppa Italia dopo il poker segnato dal capitano.

VERONA Se il primo rigorista è senza dubbio Luca Toni, grande speranza dell’Hellas dopo la partenza di Iturbe, attenzione perché alle sua spalle c’è un uomo di grande esperienza come Rafa Marquez. Il messicano sarà verosimilmente il battitore di punizioni ad angoli con il suo destro che potrebbe creare problemi a tutti portieri della Serie A.

di Andrea Martelli

SHARE