SHARE

ancelotti champions

Carlo Ancelotti ha rilasciato un’intervista all’edizione odierna del quotidiano “Tuttosport”. L’allenatore del Real Madrid parla di campionato, del nuovo ruolo da ct di Antonio Conte e di altri argomenti:

STO BENE QUA, NON TORNO “L’Italia mi causa sempre nostalgia, amo il mio Paese, ma calcisticamente parlando allora diciamo che non mi manca. Sto facendo tante belle esperienze in questi anni e riesco sempre a trovare nuovi stimoli”, ha affermato Ancelotti.

CHE SERIE A SARA’ “Il campionato vede in testa Juventus e Roma – sentenzia Ancelotti – i bianconeri sono campioni in carica e partono davanti a tutti anche per questo, i giallorossi si sono rinforzati molto e sono diventati più forti della scorsa stagione. Poi ci sono anche altre: la Fiorentina è migliorata, il Milan ha cambiato moltissimo, l’Inter ha un anno di esperienza in più, anche il Torino è cresciuto molto, bisogna vedere che ne sarà di Cerci però”.

E IL NAPOLI? – Sulla squadra azzurra Ancelotti afferma: “Sapevo che non partiva da favorito contro l’Athletic Bilbao, chi diceva il contrario forse non conosce bene i valori del calcio europeo, la formazione basca è forte e lo si era capito anche all’andata. Anche gli uomini di Benitez però diranno la loro in campionato”.

MORATA, COMAN E RABIOT – Ancelotti parla anche di due juventini allenati da lui in passato oltre che di un terzo giocatore avvicinato ai piemontesi: Morata, Coman e Rabiot? Diventeranno dei campioni, ci metto la mano sul fuoco, il primo pure farà molto bene in Serie A perché è tra i migliori talenti in circolazione, al Real non aveva il posto assicurato ma a lui serviva giocare con continuità, con Tevez e Llorente può coesistere anche se è essenzialmente una prima punta”.

CONTE – Chiusura su Conte, del quale Ancelotti dice: “Sono molto contento per la scelta che ha fatto. Antonio rappresenta quella personalità forte della quale la Nazionale italiana aveva bisogno ed ora tutti dovranno aiutarlo ad attuare il suo progetto”.

SHARE