SHARE

chievo Juventus

La Juventus inizia nel migliore dei modi la stagione di Serie A 2014-15 espugnando il Bentegodi con il risultati di 1-0. L’autorete di Binaghi al 6° minuto del primo tempo ha deciso la partita, da segnalare anche i tre legni colpiti dai bianconeri.

 Chievo

 Bardi – 5,5 Non impeccabile sull’episodio che porta all’autogol di Biraghi. Uscita da rivedere.

Frey – 6 Il meno sofferente della difesa gialloblu. Probabilmente aiutato anche dalla minore spinta di Asamoah.

Dainelli – 5,5 Preso spesso in velocità da Coman e Tevez, partita decisamente difficile per lui.

Cesar – 5,5 Valido lo stesso giudizio espresso su Dainelli, il passo di degli attaccanti bbianconeri è decisamente un altra cosa.

Biraghi – 5,5 Sfortunato in occasione dell’autogol. Sulla sua fascia confrontarsi con un brutto cliente come Lichsteiner non è mai facile.

Schelotto – 5 Solo 45° minuti per il giocatore proveniente dall’Inter. La condizione fisica sembra ancora approssimativa. Dal 46° Paloschi Entra in una partita difficile e non riesce a cambiare il corso della gara, poco aiutato dai compagni.

Izco – 6 Uno dei migliori dei gialloblu, tanto lavoro sia in fase offensiva che difensiva.

Mangani – 5 Decisamente il peggiore in campo, troppi palloni persi dal centrocampista gialloblu. Corini infatti lo lascia in campo solo 45° minuti. Dal 46° Radovanovic Partita sfortunata, esce dal campo dopo un contrasto con Dainelli. Dal 70° Cofie s.v.

Hetemaj – 5,5 Parte come esterno a sinistra ma soffre troppo la spinta di Lichsteiner giocando una partita esclusivamente difensiva.

Birsa – 5,5 Tanta corsa ma l’atteggiamento difensivo della squadra ha penalizzato tutto il reparto offensivo.

Maxi Lopez – 5 Isolato intorno ai difensori bianconeri non può nulla.

Juventus

Buffon – 6,5 Inoperoso per tutto l’arco del match, si ritrova al 78° a salvare il risultato sul colpo a botta sicura di Maxi Lopez.

Caceres – 6,5 Propizia l’autogol di Biraghi e colpisce una traversa. In una giornata dove è stato poco operoso sollecitato in difesa si trasforma in un attaccante aggiunto.

Bonucci – 6 Impegnato più nella fase di costruzione che in quella di distruzione del gioco. Regista aggiunto.

Ogbonna – 6 Anche in una giornata tranquilla non garantisce la piena sicurezza. Salvato più dalla pochezza del Chievo che dalle proprie qualità.

Lichtsteiner – 6,5 Il solito motorino instancabile sulla fascia destra, passano le stagioni  e gli allenatori ma lui è sempre li.

Vidal – 6,5 Sembra ritornato il mastino dell’inizio della stagione scorsa. Pur non avendo i 90° minuti in campo non demorde e gioca quasi tutta la partita. Dal 86° Pereyra s.v.

Marchisio -6 Gioca nella posizione che è di Pirlo,  e si comporta in maniera precisa e puntuale. L’inventiva del bresciano è però un altra cosa.

Pogba – 6 Palla al piede dimostra una tecnica ed una supremazia fisica impressionante. Non sempre però si ritrova nel vivo del gioco, sparendo per larghi tratti della gara.

Asamoah -6 Ottimo primo tempo nel quale spinge con costanza. Sparisce mano a mano nella ripresa.

Tevez – 6,5 Sempre pericoloso, colpisce una traversa e sfiora più volte il gol.

Coman – 6,5 Esordio ufficiale per il giovane parigino. Nonostante giochi praticamente da punta centrale dimostra di aver già assimilato i movimenti richiesti da Allegri. Tecnica e corsa sopraffina, uno dei migliori in campo se non il migliore. Colpisce la personalità. Dal 68° Llorente – 6 Entra e sfiora il gol su un colpo di testa su cross di Lichsteiner.

SHARE