SHARE

kovacic.inter.stjarnan.esulta.2014.2015.356x237

Direttamente dal ritiro della nazionale croata, dove sta preparando la sfida amichevole contro Cipro di giovedì 4 settembre, Mateo Kovacic ha parlato delle prospettive della Croazia ma anche del mercato, di Inter e di calcio italiano: “Dovremo lottare per qualificarci al campionato europeo, con l’Italia ci giocheremo il primo posto. Le altre concorrenti sono al di sotto delle nostre qualità. Purtroppo in Brasile non è andata come tutti ci aspettavamo, abbiamo rivisto i filmati e non abbiamo giocato bene come squadra. Neanch’io sono soddisfato di come sia andata la coppa del Mondo. Contro il Brasile e contro il Messico siamo calati dopo un’ora, adesso spetta a noi lavorare”. Contro l’Italia si giocherà a San Siro: “Per me è una conoscenza piacevole, è bello giocare in uno stadio che consideri tuo. Non è importante solo il risultato, ma anche il gioco che la Croazia mostrerà a Milano”.

Sulla Serie A: “Mi è servito un po’ di tempo per adattarmi al calcio italiano, sono contento per il primo gol e spero di mantenere lo stesso ritmo. Ora credo di poter segnare anche il primo gol con la nazionale. Cipro e Malta sono buone occasioni per questo, ma non importa chi segnerà. Quello che conta è vincere”.

Nelle ultime ore è emersa la voce dell’interesse del Barcellona per il croato: “Non so nulla sul loro interesse, per questo motivo non ha senso commentare. Durante il periodo di mercato ci sono grossi movimenti finanziari, in Italia meno che in altre nazioni, e l’Inter non ne è stata coinvolta. Il club ha ridotto il budget ed è orientata verso una politica dedicata ai calciatori giovani”.

(Fonte: Internews.it)

SHARE