SHARE

Amauri

L’italobrasiliano Amauri ha finalmente potuto presentarsi come nuovo giocatore del Torino. L’ex Nazionale Azzurro ha spiegato come si è concretizzato il suo passagio al Torino ed ha promesso di fare qualsiasi cosa per far sì che i tifosi si ricredano sul suo conto.

Di seguito, la conferenza stampa di Amauri riportata da Toronews.net: “L’offerta vera e propria è arrivata qualche giorno prima della fine del calciomercato. Ma i primi sondaggi c’erano stati già dopo Torino – Parma dell’ultimo campionato. Non potevo perdere quest’opportunità, che per me è l’ultimo treno della carriera. Sono sicuro, farò cambiare idea a chi è perplesso. Questa è una sfida e a me le sfide piacciono. A Parma il 4-3-3 di Donadoni mi penalizzava un po’, non è il mio modulo preferito anche se giocavo con Cassano. Qui a Torino invece giocherò come prediligo, con un modulo a due punte, di cui l’altra è una mezzapunta tecnica come Quagliarella. Avevo lasciato la città con dispiacere, ora ho voglia di cancellare i brutti ricordi. Sono motivatissimo, sono sempre stato un lottatore ed è quello che sarò anche al Toro. Sto bene e sono in buona forma. Certe foto sono delle pagliacciate che mi hanno buttato fango addosso, sono più che motivato a togliermelo presto. Certo, devo ancora arrivare al 100%, ma quello arriverà con l’allenamento costante. Ho preso il 22 perché avevo voglia di cambiare, l’ho deciso con i miei figli che sono due: e 11 (il mio solito numero) per due fa 22. Mi è dispiaciuto davvero per il Parma, anche perché eravamo arrivati in Europa anche grazie ad alcuni miei goal, ma ora tutti hanno voltato pagina. Ora sono al Toro e voglio godermi il palcoscenico europeo. Io come possibile uomo-derby? Sì, lo voglio, darò tutto e farò vedere cosa so fare. Il passato è passato, conta solo quello che farò oggi. Ogni volta che ho cambiato squadra ho detto grazie ai tifosi che lasciavo ma poi ho guardato al futuro”.

 

Claudio Agave

https://twitter.com/ClAgaTVOV

SHARE