SHARE

Marchi

Dopo le gare delle 15.00, la 2/a giornata di Serie B va completandosi con il primo posticipo delle 18.00 tra i padroni di casa della Pro Vercelli e il neo retrocesso Catania. Al Piola di Vercelli, le due squadre vanno alla ricerca della prima vittoria stagionale, dopo la sconfitta rimediata dai piemontesi nel primo turno in casa dell’Avellino e il pirotecnico pareggio degli etnei al ‘Massimino’ contro la Virtus Lanciano.

TUTTO ALLA MEZZ’ORA –  La gara del Piola appare sin dai primi minuti giocata sul filo dell’equilibrio, con i padroni di casa, che con un buon pressing cercano di limitare il gioco degli ospiti. Dopo un paio di conclusioni velleitarie da ambo le parti, arriva al quarto d’ora la prima occasione vera del match per i bianchi di casa con Di Roberto che prima parte da destra, si accentra e scarica un potente sinistro sventato da Frison e poi prova a ribadire in rete la respinta con una conclusione troppo debole, favorendo così la presa del numero uno etneo. La gara prosegue su buoni ritmi con un Catania capace di uscire alla distanza, prendendo possesso del gioco, ma senza impensierire praticamente mai il portiere di casa nei primi trenta di gara. Alla mezz’ora arriva la possibile svolta dell’incontro, con l’espulsione del difensore di casa, Cosenza, per un colpo a palla lontana rifilato a Cani. Tre minuti dopo il Catania approfittando dello shock dei piemontesi, passa in vantaggio, sbloccando il match con Martinho, che dopo un ottimo scambio con Monzon entra in area e trafigge un non irreprensibile Russo con un sinistro piazzato sul primo palo. Ospiti vicini al raddoppio già al 36’ con un contropiede fulminante concluso dal destro alto di Calello dal limite dell’area. Non tarda, però, ad arrivare la reazione dei padroni di casa, che al 40’ sfiorano il pareggio, con il colpo di testa di Scavone su azione d’angolo di Ronaldo, che termina a lato di un soffio. Termina quindi 0-1 la prima frazione di gioco, che ha visto una prima metà di gara giocata sul filo dell’equilibrio, prima del terribile uno-due, per la Pro Vercelli, alla mezz’ora, con l’espulsione di Cosenza e il gol del vantaggio etneo di Martinho.

GIRANDOLA DI EMOZIONI – I primi minuti della ripresa sono giocati a ritmi decisamente più bassi, con un Catania in controllo e una Pro Vercelli che prova a pungere in ripartenza. Al 59’ Rinaudo va vicino al raddoppio con un destro in diagonale dall’interno dell’area di rigore, respinto da Russo. All’ora d gioco arriva il gol del pareggio della Pro Vercelli con Marchi che di testa tramuta in rete un cross dalla sinistra di Belloni, approfittando della dormita dei centrale catanesi. Da qui in poi la partita diventerà un continuo susseguirsi di emozioni. Al 70’ arriva la seconda svolta del match: doppio giallo per Sauro e Catania in dieci uomini. Sulla punizione scaturita dal fallo, Ronaldo colpisce la traversa con un gran tiro e sulla conseguente respinta Belloni di testa sigla il gol del sorpasso piemontese, completando la rimonta degli uomini di Scazzola. Il match del Piola è però infinito, e al 78’ il Catania riacciuffa il pareggio, con Alessandro Rosina che tramuta in rete un calcio di rigore procuratore da Martinho, per fallo di Ragatzu. La gioia etnea dura però meno di 5 minuti, infatti a otto dal termine arriva lo splendido gol del 3-2 di Ronaldo, che forte del suo cognome trasforma in oro una punizione dal limite dell’area, con un tiro a giro sul palo di Frison. Saranno vani i tentativi degli ospiti da qui al termine, che dovranno arrendersi alla prodezza di Ronaldo. Esordisce così con una vittoria in casa la Pro Vercelli, che costringe il quotato Catania ad accontentarsi di un solo punto in due gare.

TABELLINO:

PRO VERCELLI-CATANIA  3-2

MARCATORI: 33′ Martinho, 61′ Marchi, 71′ Belloni, 77′ Rosina, 82′ Ronaldo

PRO VERCELLI (4-3-3)  22 Russo; 3 Germano, 5 Cosenza, 26 Coly, 25 Scaglia (cap); 20 Matute (dal 34′ Bani), 8 Scavone, 19 Ronaldo; 30 Di Roberto (dal 67′ Ragatzu), 9 Marchi, 18 Belloni (dal 79′ Liviero). A disp: 1 Anacoura, 29 Ferri, 14 Emmanuello, 10 Fabiano, 21 Castiglia, 27 Bunino. All. Scazzola

CATANIA (4-2-3-1)  21 Frison, 2 Peruzzi, 15 Sauro, 3 Spolli (cap), 18 Monzon; 21 Rinaudo, 16 Calello (dal 86′ Garufi); 19 Castro (dal 67′ Marcelinho), 10 Rosina, 6 Martinho; 17 Çani. A disp: 12 Ficara, 24 Capuano, 28 Parisi,  8 Escalante,  27 Jankovic, 14 Barisic. All. Pellegrino

ARBITRO: Nasca di Bari

AMMONITI: Castro, Marchi, Coly, Rinaudo, Sauro, Ragatzu

ESPULSI: 30′ Cosenza, 71′ Belloni

RECUPERO: 2′, 5′

SHARE