SHARE

serbia

Seconda tranche degli ottavi di finale del mondiale di basket, che ha visto uscire sorprendentemente la Grecia (finora imbattuta) e l’Argentina. Ecco quanto accaduto nella giornata di domenica.

Fatica molto più del previsto la Lituania contro una sorprendente Nuova Zelanda: la Haka con il passare del tempo diventa sempre più efficace e le gambe degli avversari tremano molto di più rispetto all’inizio del torneo. Un super Valanciunas trascina i suoi in un inizio match che mette subito le cose in chiaro, ma i Tall Blacks non si arrendono e rimontano fino a combattere punto a punto sul finale. Alla fine i lituani la spuntano per quattro punti e, pur senza brillare, passano meritatamente allo step successivo. Grande partita anche dell’alltra squadra del continente oceanico: l’Australia. Ne sa qualcosa la Turchia, che riesce a spuntarla solo con una tripla a 5 secondi dalla sirena e proseguire un mondiale all’insegna della sofferenza. I turchi hanno una marcia in più tecnicamente, ma i tiri da tre degli australiani mantengono i canguri a stretto contatto con gli avversari, che non riescono mai a scrollarseli di dosso. La partita rimane in dubbio fino alla sopra citata tripla, con i turchi che riescono a procedere seppur dominati nettamente sotto canestro.

Sorprendente crollo di una delle favorite per terminare nella top 4 questo mondiale: la Grecia viene sorprendentemente sopraffatta dalla Serbia di Djordjevic, che sconfigge gli ellenici sfidandoli con le loro stesse armi. E’ proprio nel gioco sotto canestro, infatti, che i balcanici prendono il sopravvento, con il solo Bourousis che deve lasciare il campo ai lunghi avversari. Bogdanovic e Teodosic martellano la retina con i loro tiri da tre e per i greci c’è poco da fare: prima sconfitta ed è quella che conta di più. A chiudere le partite della giornata, il senititssimo derby Brasile-Argentina. Match equilibrato? Per niente…i carioca sembrano nettamente superiori e l’assenza di Ginobili si sente più che mai in partite pesanti come questa. Scola e Nocioni vengono annullati sotto canestro come in ogni zona del campo, mentre per il Brasile a fare la differenza sono Marqhinos e la panchina più che i giocatori NBA. Il distacco finale è di venti punti, sottolineando quanto la partita sia stata sbilanciata a favore del team di coach Magnano.

 

OTTAVI DI FINALE

 

NUOVA ZELANDA-LITUANIA 71-76 

Lituania: Valanciunas 22, Pocius 11, D.Lavrinovic 10. 
Nuova Zelanda: C.Webster 26, Fotu 11, Vukona 9.

 

SERBIA-GRECIA 90-72

Serbia: Bogdanovic 21, Raduljica 16, Teodosic 13. 
Grecia: Calathes 14, Zisis 12, Printezis 12

 

TURCHIA-AUSTRALIA 65-64

Turchia: Preldzic 16, Guler 16; Arslan 11. 
Australia:Baynes 15, Dallavedova 13, Ingles 13, Bairstow 10.

 

BRASILE ARGENTINA 85-65

Brasile: Neto 21, Marqhinos Vieira 13, Barbosa, Splitter 10 
Argentina:Prigioni 18, Campazzo 11, Safar 10.

 

QUARTI DI FINALE

Lituania-Turchia

Slovenia-USA

Serbia-Brasile

Francia-Spagna

 

 

 

SHARE