SHARE

Tavano

Dopo aver trascorso le ultime quattro stagioni nella serie cadetta, Francesco Tavano e il suo Empoli sono ritornati in serie A. Ormai da tre stagioni consecutive il bomber campano raggiunge quota 20 reti e, dopo l’esordio a secco contro l’Udinese, vorrà riscattarsi con la Roma, nella quale ha militato per solo metà stagione.

Queste le parole di Ciccio Tavano rilasciate alla Gazzetta dello Sport sulla sfida di sabato e del suo breve passato giallorosso.

VINCIAMO NOI – “Sabato l’Empoli vince con la Roma: 2-. Perché sono così sicuro? Perché il risultato di Udine ha nascosto una buona prestazione nostra e so come lavora il tecnico Sarri. Ci darà tutte le informazioni, i particolari sul come fermarli. Scenderemo in campo sapendo perfettamente cosa dovremo fare. Mi ricorda Spalletti”.

TRA VALENCIA E ROMA – “Non fu una stagione positiva per colpa del Valencia. Maledetta scelta. Arrivai a Roma praticamente dopo sei mesi di inattività. Ma non è stata un’esperienza negativa. Non fui riscattato solo per una questione economica, perché la Roma di allora non poteva spendere 10 milioni di euro. Se solo avessi scelto la Roma, come avrei potuto, un’estate prima…”.

INGANNO ISPANICO – “Dal Valencia fui ingannato. Dopo aver accettato il trasferimento venni a sapere che il tecnico non mi voleva. Mi tagliò le gambe, non giocavo mai. E c’era un pregiudizio nei confronti degli italiani, lo dissi allora e lo ripeto”.

SU TOTTI – “Mi ha aiutato tantissimo. Mi piacciono i numeri 10 e lui è il top. Più invecchia più migliora. Un po’ come me… Sabato proverò a chiedergli la maglia. Non so chi smetterà prima tra noi due. Spero lui. Io so solo che ho il contratto in scadenza, ma non mi vedo in alcun altro club”.“

SHARE