SHARE
liverpool aston villa agbonlha
Gabriel Agbonlahor festeggia il gol. Photograph: Neville Williams/Aston Villa FC via Getty Images

Sorpresa ad Anfield. L’Aston Villa sbanca la tana del Liverpool vincendo di misura portandosi al secondo posto in solitaria. Grande match degli uomini di Paul Lambert che trovano il vantaggio al 9′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo e riescono a bloccare i padroni di casa, pericolosi solo sul finale (palo di Coutinho) alla ricerca dell’insperato pareggio. Partita tatticamente perfetta per i Villans che confermano la loro implacabilità, 4 partite 4 gol e 10 punti realizzati. Male il Liverpool che resta a 6 punti e probabilmente paga i tanti Nazionali impegnati durante la sosta.

PALLE INATTIVE DECISIVE – L’Aston Villa è una squadra compatta e in grado di approfittare al 100% delle occasioni che gli capitano. A dimostrazione di ciò i 3 gol realizzati finora in 3 partite che gli hanno permesso di conquistare ben 7 punti. Il Liverpool, dopo la sosta per le Nazionali che ha coinvolto buona parte della rosa, vuole dare continuità alla vittoria netta contro il Tottenham. Brendan Rodgers lascia Sterling in panchina e inserisce l’ex Benfica Markovic, l’Aston Villa conferma il 4-3-3 con Agbonlahor-Richardson e Weimann. La partita appare subito bloccata, soprattutto per merito degli ospiti che dal punto di vista tattico non sbagliano nulla. Baker entra subito in sintonia con Senderos e non fa rimpiangere l’assenza di Vlaar e così in un match del genere a fare la differenza sono le palle inattive. I Villans si rendono subito pericolosi e trovano il vantaggio. Al 9′ da calcio d’angolo Senderos la spizza, la difesa dei Reds è distratta e Agbonlahor è il più lesto a trovare la deviazione vincente. Il Liverpool prova a fare gioca ma è totalmente bloccato dall’ottimo undici messo in campo da Paul Lambert. Al 12′ ancora Senderos, sugli sviluppi di un calcio di punizione, va vicino al raddoppio. Al 15′ Weimann, sempre da un calcio d’angolo, si ritrova tutto solo da buona posizione ma la sua conclusione è sballata. I Villans chiudono ogni spazio e il Liverpool riesce ad andare al tiro solo al 42′ con Lallana che sfrutta una sponda di Balotelli ma conclude male di sinistro.

REDS STERILI – Solo Liverpool fin dai primi minuti ma pian piano il possesso palla appare sempre più sterile. I Reds non riescono ad arrivare al tiro e gli ospiti riescono a gestire con tranquillità la pressione dei padroni di casa. Rodgers inserisce Sterling, Lambert e Borini e prova negli ultimi venti minuti a smuovere i suoi, ma Baker-Senderos non sbagliano nulla e dimostrano gran senso della posizione e lucidità. All’81’ unica grande chance per i padroni di casa con Coutinho che sulla sinistra trova lo spazio giusto per cercare il tiro a giro ma la conclusione si stampa sul palo. L’Aston Villa alza le barricate, Gerrard e compagni sfiorano il 70% di possesso palla ma non riescono a costruire un’azione degna di nota e così Paul Lambert sbanca l’Anfield e porta i suoi al secondo posto

TABELLINO

LIVERPOOL Mignolet; Manquillo, Moreno, Lovren, Sakho; Gerrard, Henderson, Coutinho; Markovic (70′ Borini), Lallana (60′ Sterling), Balotelli (70′ Lambert). Subs: Jones, Enrique, Lucas, Toure

ASTON VILLA Guzan; Hutton, Baker, Senderos, Cissokho; Westwood, Delph, Cleverley (85′ Sanchez), Richardson; Agbonlahor (89′ Bent), Weimann (71′ N’Zogbia). Subs: Okore, Bacuna, Given, Grealish.

MARCATORI: 9′ Agbonlahor (A)

CLASSIFICA

Chelsea 12, Aston Villa 10, Swansea 9, Manchester City 7, Tottenham 7, Southampton 7, Liverpool 6, Arsenal 6, Everton 5, Leicester 5, Hull City 4*, Stoke City 4,  Qpr 3*, West Ham 3*, Sunderland 3, Wba 2, Manchester United 2*, Newcastle 2, Burnley 2, Crystal Palace 2.

* una partita in meno.

 

SHARE