SHARE

nainggolan

Dopo la sosta per le nazionali torna la Serie A: ad aprire la giornata c’è Empoli-Roma al Castellani, con i padroni di casa di mister Sarri a caccia dei primi punti stagionali, contro la Roma di Rudi Garcia intenzionata a dar seguito alla prima convincente uscita contro la Fiorentina. Il tecnico giallorosso opta per un ragionato turnover per sbancare il Castellani e prepararsi al meglio in vista dell’esordio in Champions di mercoledì.

ALL’ULTIMO SECONDO – Avvio di gara di marca empolese: padroni di casa aggressivi e con il baricentro alto, ad impedire i corretti disimpegni della retroguardia romanista, indotta più volte all’errore. Il primo squillo è di Tavano, portato al tiro al 7’ minuto in seguito ad uno schema da calcio d’angolo. La prima vera occasione del match è però targata Florenzi, che con un tiro al volo su assist di Nainggolan costringe Sepe alla parata in diagonale. La parte centrale del primo tempo mette in luce ancora un Empoli aggressivo e attentissimo in difesa, che non concede nulla al tridente romanista, che si schianta più volte sul muro azzurro eretto da Sarri. Il match si infiamma a 5 dal termine, con l’occasione capitata a Maicon, che da pochi passi su assist di Florenzi colpisce il palo a Sepe battuto. Sul prosieguo dell’azione la Roma reclama un calcio di rigore per fallo di mano di Tonelli su tiro a botta sicura di Pjanic. Al 43’ Tavano cerca l’1-0 su punizione da buona posizione, ma trova solamente la comoda parata di De Sanctis. Quando tutto sembrava far presagire uno 0-0 all’intervallo, arriva al 46’ l’autorete di Sepe, provocato da un gran destro in diagonale di Radja Nainggolan, che da fuori colpisce il palo e successivamente la schiena del portiere empolese. Termina quindi 0-1 un primo tempo avaro di occasioni, che ha visto un Empoli molto attento e tenace, capace di mettere in difficoltà la Roma.

GESTIONE DEL RISULTATO – La ripresa vede sin dai primi minuti una Roma più sciolta, intenzionata a mantenere il gol del vantaggio concedendo poco ai padroni di casa. Al 57’ arriva la grande opportunità per il raddoppio giallorosso con Maicon, che dopo un uno-due al limite dell’area con Florenzi, penetra e calcia, trovando però la perfetta chiusura di Sepe. Con il passare dei minuti la Roma prende il totale dominio del terreno di gioco, gestendo il vantaggio tramite il possesso palla, favorito anche dai ritmi più bassi rispetto al primo tempo, dettati dalla maggiore stanchezza degli uomini di Sarri. Dopo la girandola di cambi l’Empoli nell’ultimo quarto d’ora cerca il pareggio, prima con Mchedlidze che scarica un mancino potente da fuori area sventato in qualche modo da De Sanctis, e poi con Zielinski che ancora da fuori calcia troppo centralmente per impensierire il numero uno romanista. Vani i tentativi finali dell’Empoli che incoccia sino all’ultimo minuto sulla difesa giallorossa guidata perfettamente da un ottimo Manolas. La Roma ottiene così il secondo successo in campionato, presentandosi al meglio per la sfida di mercoledì in Champions. Ancora a secco di punti l’Empoli di Sarri che dovrà trovare alla svelta la quadratura per rimanere in Serie A.

Empoli (4-3-1-2): Sepe; Laurini, Rugani, Tonelli, Hysaj; Vecino (62′ Moro), Valdifiori, Croce (81′ Zielinski); Verdi (62′ Pucciarelli); Tavano, Mchedlidze. A disp.: Bassi, Perticone, Barba, Mario Rui, Bianchetti, Aguirre, Signorelli, Laxalt, Rovini. All.: Sarri

Roma (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Manolas, Castan (45′ Astori), Cole; Pjanic (68′ Keita), De Rossi, Nainggolan; Florenzi, Destro, Ljajic (81′ Gervinho). A disp.: Lobont, Skorupski, Holebas, Torosidis, Yanga Mbiwa, Emanuelson, Iturbe, Borriello, Totti. All.: Garcia

Arbitro: Gervasoni

Marcatori: 46′ Sepe (Aut. E)

Ammoniti: De Rossi (R)

SHARE