SHARE

Calcio-Fifa

Canover Watson, uno degli otto membri del comitato atto a vigilare le finanze all’interno della FIFA, è stato sospeso dal suo incarico dopo essere entrato nel registro degli indagati e poi arrestato nelle isole Cayman, con l’accusa di corruzione e riciclaggio di denaro.

La decisione del massimo organismo calcistico internazionale non è però definitiva. Watson, 43enne vicepresidente della Federcalcio caraibica, si dice innocente. La sua posizione per questo è in standby, e lo sarà almeno fino alla fine delle indagini.
Domenico Scala, presidente della commissione Audit&Compliance, è stato chiaro: “Finora le accuse che gli sono state mosse non sembrano riguardare il suo ruolo all’interno della Fifa, e noi crediamo nella presunzione d’innocenza”. Intanto, però, l’immagine della politica mondiale del pallone, guidata dal vecchio Joseph Blatter, che si candiderà ancora per quello che sarebbe il suo quinto mandato, è sempre più sporca.

SHARE