SHARE

ventura
ESORDIO A BRUGES
Domani sera il Torino di Gianpiero Ventura esordirà in Europa League dopo essersi guadagnato l’accesso all’Europa superando, nei preliminari, prima gli svedesi del Brommapojkarna e successivamente i croati del RNK Split. I Granata, inseriti nel girone B con Copenhagen, HJK Helsinki e Club Brugge, inizieranno la loro avventura continentale con la trasferta in Belgio, sul campo dei nerazzurri del Brugge. Trasferta non semplicissima nonostante il Club Brugge, al momento, occupi il sesto posto in classifica nella Jupiler Pro League, la massima serie belga, con 10 punti in 7 partite, ottenute grazie a 2 vittorie e 4 pareggi.

I PROBLEMI DEL TORO Più che il tenore degli avversari a preoccupare Ventura è soprattutto lo scarsa forma dei suoi. Dopo il promettente avvio in campionato, nella prima giornata di Serie A il Toro era riuscito a fermare all’Olimpico l‘Inter di Mazzarri sbagliando peraltro un calcio di rigore con Larrondo, nella seconda giornata i Granata si sono squagliati in quel di Marassi, superati per 2-0 dai padroni di casa della Sampdoria andati in rete con Gabbiadini e Okaka.  Il risultato sarebbe potuto essere ancora più sconfortante per i ragazzi di Ventura, salvati nella ripresa solo dalla traversa sull’ennesima magnifica punizione di Gabbiadini, anche perchè il Torino ha dimostrato di doversi ancora registrare tanto nella gestione del pallone quanto nella manovra in fase offensiva.
Se per i problemi in attacco i Granata possono avere qualche attenuante, dato che la coppia titolare Quagliarella- Amauri, chiamata a sostituire gli insostituibili Immobile e Cerci, ha sinora avuto poco tempo per lavorare dato che l’italo- brasiliano è arrivato alla corte di Ventura solo nell’ultimo giorno di calciomercato, ben più preoccupante sembra essere la situazione a centrocampo. Vives, chiamato contro la Samp a fare il regista, si è dimostrato troppo lento e spesso poco preciso; la manovra del Toro, anche per merito del continuo pressing portato dalla squadra di Mihajlovic, è parsa così più volte tanto improvvisata quanto lenta, riuscendo a creare qualche grattacapo ai blucerchiati solo mediante il gioco sulle corsie. Per ovviare al problema Ventura potrebbe proporre come mediano Gazzi e come mezz’ala Sanchez Mino, lasciando a quest’ultimo il compito di creare gioco e al primo il ruolo di recupera- palloni e schermo davanti alla difesa. In avanti aumentano le chances di vedere dal primo minuto Amauri, probabilmente supportato da El Kaddouri, cosa che farebbe cambiare il classico 3-5-2 in un 3-5-1-1.

PROBABILI FORMAZIONI

CLUB BRUGGE (4-3-3)
Ryan, Meunier, Engels, Duarte, De Bock; Vormer, Vazquez, Simons; Storm, Castillo Mora, Sobota. All. Preud’homme

TORINO (3-5-1-1)
Gillet; Bovo, Glik, Moretti;  Maksimovic, Benassi, Gazzi, Sanchez Mino, Darmian; El Kaddouri, Amauri. All. Ventura

Arbitro: Halis Ozkahya (TUR)

SHARE