SHARE

montellafiorentinasiena

Conferenza stampa di rito per Vincenzo Montella, il tecnico viola parla alla vigilia dell’esordio stagionale di Europa League di domani contro la formazione francese del Guingamp. Presente insieme al tecnico partenopeo anche il centrocampista ex Juventus e Liverpool Alberto Aquilani, in procinto di ridiscutere il suo contratto con la formazione toscana.

CONFERENZA STAMPA DI MONTELLA Ecco le parole di Vincenzo Montella in conferenza stampa “E’ l’inizio dell’Europa League e ci teniamo molto a partire bene. Il Guingamp è una squadra rapida e veloce. Noi dobbiamo giocare da Fiorentina, spero che possiamo avere le stesse occasioni create contro il Genoa Poi il riferimento ad un bel traguardo100 panchine in viola? E’ una bella soddisfazione, anche perchè arrivano così presto. Vuol dire che abbiamo giocato tante partite. Lo scorso anno in Europa abbiamo ottenuto risultati importanti e vorremmo fare bene anche quest’anno, ci teniamo a dare una bella immagine anche all’estero” Sulla prestazione di domenica “Non è un problema d’intensità perchè anche domenica abbiamo avuto un netto predominio sull’avversario. Bisogna considerare anche le deficienze che abbiamo avuto nel reparto d’attacco anche in termini di infortuni. Non so se possiamo fare meglio come prestazione, certamente come risultato sì”.

Più pressione dopo i primi due risultati negativi?” Ha continuato Montella “Non cambia niente, la prima l’abbiamo persa contro una candidata dello scudetto e comunque avremmo potuto pareggiare nonostante un primo tempo sottotono. Contro il Genoa la prestazione è stata importante e abbiamo avuto continuità in tutti i 90′, ci è mancato solo un po’ di risolutezza. Se possiamo arrivare in finale? La squadra è altamente competitiva, non andiamo troppo avanti e pensiamo a vincere domani e passare il turno”. Sull’11 che verrà schieratoMario Gomez? Ho detto che gli serve un gol per sbloccarsi. E per segnare deve giocare… Comunque ho una rosa ampia e vedrò domani quale formazione schierare. La competizione in squadra c’è ed è positiva, qualche cambiamento ci sarà ma non mi piacciono gli stravolgimenti, soprattutto nello stesso reparto. Le critiche? Ci stanno, a volte giuste a volte più ingiuste. Vanno accettate e bisogna mantere l’equilibrio e così devono fare i giocatori, talvolta mi sembra che ci si sia montati un po’ la testa. Ma fa parte tutto del contratto che firmiamo, di questo lavoro”. A chi fa notare che il Guingamp è una realtà di 8 mila abitanti Montella risponde “Fa parte del calcio ed è anche il suo bello, penso in Italia anche al Chievo, o all’Empoli. Ma la forza della squadra non dipende dagli abitanti. Chi vince l’Europa League va in Champions? E’ uno stimolo, come lo è per le altre. Il pensiero però c’è, sarebbe una cosa importante. Ci permetterebbe di arrivare anche sesti in classifica…” Infine ultime note sui possibili avvicendamenti di domani “Bernardeschi come Matos? E’ un giocatore effettivo della rosa, ma abbiamo anche altri giocatori rispetto all’anno scorso. Avrà spazio sia in campionato che in Europa League, come gli altri. Tatarusanu? “Lo conosco bene, è un giocatore esperto, per me valido, vediamo domani”.

Alberto Aquilani ha poi chiarito la sua posizione sul rinnovo contrattuale con la Fiorentina Il contratto? Se n’è parlato anche troppo, tante volte si sono dette anche cose non vere. Il mio contratto scade a giugno, ad oggi non c’è stato un incontro vero e proprio, ma solo un pour parler, ci sono state altre esigenze da parte della società. Loro sanno che da parte mia c’è la massima disponibilità, sanno quali sono le mie richieste. L’Europa League? Per noi significa tanto, lo abbiamo dimostrato anche nelal scorsa stagione. Vogliamo dare il massimo e andare più lontano possibile. L’anno scorso abbiamo fatto un bel cammino, siamo stati sfortunati perché abbiamo trovato la Juve e siamo andati fuori per un episodio. Rifarei lo stesso percorso dell’anno scorso, magari senza Juve…”.

Stefano Mastini
//

SHARE