SHARE

483c9c36218a85c6d26aa1636c7ece0f-23882-1409412010

Dopo tre giornate di campionato, la Serie B, ha un solo padrone, il Perugia. Gli umbri hanno vinto tre partite su tre battendo le più quotate, sulla carta, Bologna, Bari e Catania. Adesso, a 9 punti, comandano la classifica in solitaria e non sembra un exploit estemporaneo. Un plauso va dato sicuramente al Ds Goretti, che è riuscito ad allestire una rosa competitiva con nomi di alto livello. Merito anche al tecnico Andrea Camplone, di certo non un nome di spicco, ma che sin da quest’estate ha lavorato sotto traccia per dare un’identità tattica alla sua squadra. Il “Grifone”, infatti, è apparso solido, avendo subito un solo gol in tre incontri.

GIUSTO MIX – La mano del tecnico si vede e le sue capacità nel far coesistere veterani del calibro di Comotto, Giacomazzi o Taddei, con giovani di talento come il portiere Provedel, il regista Verre, e il bomber Falcinelli, capocannoniere del campionato con tre centri, sono la chiave di questo avvio sprint Il brasiliano Rodrigo Taddei, dopo il divorzio con la Roma, sembra rivitalizzato, e i 34 anni sulla carta di identità non si fanno sentire, mentre come un faro, illumina il centrocampo con la sua classe. Il 35enne Gianluca Comotto indossa la fascia da capitano, portando la giusta esperienza che può consentire di fare bene in un campionato pieno di insidie, come è la cadetteria.La porta è blindata dall’ex Pisa Ivan Provedel, classe 94′ alla prima esperienza nel calcio che conta. Un altro giovane interessante è Valerio Verre, ex Roma, di proprietà dell’Udinese. Il centrocampista è in cerca della piazza per imporsi definitivamente, e quella del capoluogo umbro può essere quella giusta. Il gol all’esordio fa ben sperare. Davanti la ciliegina sulla torta è il perugino di nascita, Diego Falcinelli. Attaccante di proprietà del Sassuolo, anche lui under 23,  è stato l’uomo decisivo per la sua squadra, con tre reti in tre partite.

E’ ancora presto per fare calcoli, ma tutto lascia pensare che il pubblico del “Renato Curi ” possa sognare in grande. Come tradizione degli ultimi anni la cadetteria viene scossa da una terribile neopromossa e il Perugia sembra avere tutte le carte in regola per sorprendere fino alla fine.

SHARE