SHARE

68d65af6e3e4fa13dd4c9e2f98a992e5_169_xl

La trasferta di Marassi della Lazio ha lasciato un segno negativo non solo sulla classifica, ma anche sull’umore della rosa biancoceleste e, soprattutto, sull’infermeria. Una vera ecatombe infatti la partita contro il Genoa; Basta, Gentiletti e Biglia sono tornati con le ossa rotte, ma la situazione più grave riguarda il difensore argentino: stop shock di almeno sei mesi. Gli accertamenti strumentali di ieri sera hanno confermato una diagnosi terribile: lesione completa del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Stagione compromessa quindi per il centrale arrivato in estate, che giovedì subirà un’operazione chirurgica. Nel turno infrasettimanale di giovedì contro l’Udinese mancherà pure De Vrij, espulso ieri per doppia ammonizione e quindi fermato per un turno dal giudice sportivo. Per far fronte all’emergenza in difesa il tecnico Pioli opterà per la coppia centrale Novaretti-Cana. Impossibile l’utilizzo di Radu dato che il romeno è out per una lesione di primo grado al polpaccio, e tornerà a disposizione dopo la sosta per le nazionali. Sulla sinistra giocherà Braafheid, che ha dimostrato di essere una buona soluzione sulla fascia. Sulla destra c’è l’interrogativo Basta: il serbo, proprio ex della squadra friulana, ha riportato un trauma contusivo alla mano destra con distrazione della capsula metacarpofalangea, Brutta tegola anche per Lucas Biglia, tornato dalla trasferta di Genova con un trauma contusivo capsulare del primo dito del piede destro con infrazione ossea dell’osso sesamoide e della testa metatarsale, che lo obbligherà a uno stop di almeno 30 giorni. Ledesma così si prepara a sostituirlo nella gara con l’Udinese. Per la gara di giovedì ancora ballottaggio in attacco tra Djordjevic e Klose.

SHARE