SHARE

club brugge torino

Secondo appuntamento con la nuova rubrica di Mai Dire Calcio, StatisticA. Protagonisti numeri, curiosità e storie della nostra Serie A. Partiamo con gli excursus della terza giornata 2014-2015, tra poche reti e passi falsi sorprendenti.

 

GENERALI – Rispetto alla scorsa giornata sono risultate davvero poche le marcature in Serie A: la terza giornata ha infatti riservato agli appassionati italiani solo 18 reti. Il Parma la squadra che ne ha siglati di più (3). 4 le vittorie in trasferta, 3 quelle casalinghe, 3 i pareggi. La gara con più reti è stata quella tra Chievo e Parma: 5 le segnature complessive nel match del Bentegodi.

 

CESENA-EMPOLI: primo pari per le due neopromosse in questo campionato. Primo punto in questa Serie A per l’Empoli di Sarri, che torna così a fare risultato nel massimo campionato. L’ultima X tra le due squadre in casa del Cesena si era verificata nel 2004. Con il rigore del 2-1 Francesco Tavano ha messo a segno il suo 200° gol da calciatore professionista, il 119° con la maglia dell’Empoli. Prima rete in Serie A per Defrel del Cesena.

 

MILAN-JUVENTUS: per il secondo anno di fila la Juventus espugna il Meazza sponda rossonera ed ancora una volta va in gol Tevez. Prima di quello verificatosi sabato sera, l’ultimo 0-1 della Juve in casa del Milan aveva avuto luogo nel 2005: la rete di Trezeguet regalò di fatto lo Scudetto alla Juventus di Fabio Capello. Da due anni consecutivi il Milan non riesce a segnare un gol contro la Juventus a San Siro. La sconfitta contro i bianconeri interrompe l’ottimo ruolino di marcia dei rossoneri tra le mura amiche: il Milan vinceva infatti le partite casalinghe da 6 gare consecutive. L’ultima sconfitta era stata quella del marzo scorso contro il Parma (2-4). La squadra di Allegri vince invece in trasferta da 5 gare complessive.

 

CHIEVO-PARMA: prima vittoria in campionato per il Parma e seconda sconfitta casalinga consecutiva per il Chievo. Tra i veronesi da registrare la prima marcatura con la nuova maglia dell’ex Catania Mariano Izco. Il Parma vince in casa del Chievo per la 5a volta complessiva. Con la doppietta di Cassano salgono a 6 le reti totali siglate nello stadio Bentegodi dal talento di Bari Vecchia, 3 in 2 partite di fila giocate nell’impianto veronese. Prima marcatura in Serie A per Massimo Coda, attaccante girovago che a 26 finalmente trova il suo momento di gloria. La squadra di Donadoni possiede sia il secondo miglior attacco (7 gol) che la peggior difesa (8 reti prese) alla pari del Sassuolo. I ducali grazie alla vittoria nel lunch match tornano a fare bottino pieno fuori casa dopo 8 gare di fila senza tre punti.

 

GENOA-LAZIO: anche il Genoa trova la prima vittoria della sua Serie A con la seconda rete stagionale di Mauricio Pinilla, l’unico giocatore abile nel timbrare il cartellino per i liguri fino ad ora. Secondo cleen sheet consecutivo per Mattia Perin: non gli era mai capitato prima. Prima espulsione italiana per il difensore Stefan De Vrij e seconda sconfitta esterna consecutiva per la sua Lazio. Marassi rossoblu sembra ormai campo maledetto peri biancocelesti: ultima vittoria nel 2010 (1-2), ultimo pari nel 2011 (0-0), poi 4 sconfitte di fila (nelle ultime due, Lazio mai a segno).

 

ROMA-CAGLIARI: Ancora una partita senza subire gol per la Roma che trova la terza vittoria di fila. 4 i gol siglati da Mattia Destro nelle ultime due partite contro il Cagliari (l’anno scorso tripletta al Sant’Elia). Dal 1999 ad oggi, la Roma ha battuto all’Olimpico il Cagliari per 9 volte. Seconda sconfitta consecutiva per il Cagliari di Zeman, che per la prima volta dall’inizio del campionato non riesce a siglare un gol (in particolare i sardi non segnano nella Roma giallorosa da due anni). Esordio in Serie A per l’ex portiere del Brescia Alessio Cragno e, dunque, prime due reti subite dall’estremo difensore nella massima categoria. Curioso notare che Zeman fu esonerato dalla Roma ad inizio 2013 proprio dopo una sconfitta casalinga contro il Cagliari (2-4).

 

SASSUOLO-SAMPDORIA: per entrambe le squadre si tratta del secondo pareggio in questo campionato. A differenza della Sampdoria, però, il Sassuolo deve ancora trovare la prima affermazione. Primo 0-0 casalingo in Serie A per la squadra di Di Francesco ma non il primo contro i blucerchiati (in Serie B nel 2012 finì con lo stesso punteggio). In 4 confronti casalinghi, mai i neroverdi sono riusciti a battere la Sampdoria tra le mura amiche.

 

ATALANTA-FIORENTINA: prima vittoria per la Fiorentina e prima sconfitta per l’Atalanta in questa Serie A. Così come il suo collega Perin, anche Neto propone un inedito doppio cleen sheet. In questo turno di campionato, la Fiorentina è stata la squadra con più giocatori ammoniti (4). Primo gol con la maglia viola per l’ex Sassuolo e Palermo Jasmin Kurtic, il 14° della sua carriera agonistica. Da tre match consecutivi l’Atalanta perde in casa contro la Fiorentina senza mai segnare: l’ultima vittoria bergamasca risale al 2012 (2-0).

 

UDINESE-NAPOLI: dopo tre pareggi di fila tra le due squadre ad Udine, torna una gara da tre punti al Friuli: a vincerla è l’Udinese che conquista la seconda vittoria casalinga consecutiva dopo quella contro l’Empoli. In entrambe le gare Karnezis non ha dovuto prendere la palla in fondo al sacco. Esordio in Serie A per David Lopez tra le fila del Napoli che torna a perdere due gare consecutive in Serie A dopo le due sconfitte contro Juventus e Parma della scorsa stagione. I partenopei non partivano così male in campionato dopo le prime tre giornate dalla stagione 2009-2010 (anche in quel caso una vittoria e due sconfitte, quindi 3 punti in 3 gare). Per la seconda gara di fila il Napoli non segna in campionato: come da sopra, l’ultima occasione in cui si verificò tale evento furono le due gare a secco già citate. 100a presenza con la maglia del Napoli per Lorenzo Insigne.

 

PALERMO-INTER: Secondo pari per entrambe le compagini, casalingo per il Palermo ed in trasferta per l’Inter. Prima rete subita in stagione dal portiere Handanovic, quella di Franco Vazquez: per El Mudo si tratta della seconda rete consecutiva e assoluta in Serie A, la 6a con il Palermo e la 24a in carriera. 90a presenza in Serie A con l’Inter per Samir Handanovic, la 365a in carriera. L’ultimo 1-1 tra Palermo e Inter al Barbera si era verificato nel marzo del 2010. L’Inter non vince in casa dei rosanero sempre dal 2010, nel mese di Settembre (1-2). Di contro il Palermo cerca una vittoria casalinga che manca dallo scorso mese di Aprile (1-0 alla Reggina in Serie B).

 

TORINO-VERONA: prima di prendere gol ieri sera, il Torino non subiva gol in casa da quasi 400 minuti. Allo stesso modo, però, sono quasi 400 i minuti nei quali il Torino manca all’appuntamento con il gol. Statistica sconcertante: l‘ultima volta che il Toro non ha segnato per due gare di fila in casa in Serie A si è ritrovato retrocesso al termine della stagione. Secondo rigore di fila sbagliato in campionato dal Torino, entrambi in casa: alla prima giornata Larrondo si fece bloccare da Handanovic, ieri è stato El Kaddouri a farsi parare la conclusione da Rafael. Seconda vittoria di fila per il Verona, la prima in trasferta di questo campionato. Il gol di Ionita assume proporzioni storiche: si tratta, infatti, della prima marcatura di un calciatore della Moldavia in Serie A. La squadra granata non batte il Verona in casa dal 2005: 9 anni fa la gara terminò 2-1 per la squadra piemontese. Attualmente, il Torino resta l’unica formazione italiana tra Serie A e Serie B a non aver ancora mai segnato una rete.

 

Claudio Agave

https://twitter.com/ClAgaTVOV

SHARE