SHARE

allegri juventus

Tre gol, tre esultanze e tre punti ma nulla di più. Non c’è tempo di guardarsi indietro per la Juventus. La squadra campione d’Italia dopo la quarta vittoria consecutiva in campionato senza prendere reti (la quinta contando anche l’esordio in Champions League) infatti non ha nemmeno avuto il tempo di godersi il successo sul Cesena che ha già dovuto focalizzarsi sulla prossima partita in programma sabato alle 20.45 a Bergamo contro l’Atalanta.  La squadra di Allegri già nella mattinata di oggi è scesa in campo a Vinovo per allenarsi. Seduta di scarico per chi ha giocato ieri, mentre il resto della truppa si è allenato a pieno regime.

POSSIBILE TURNOVER– Il tecnico livornese è conscio delle insidie che la sfida dell’Azzurri d’Italia nasconde e non vuole lasciare nulla al caso. Ciononostante un minimo di turnover ci sarà, visto che mercoledì sera la Juventus sarà di scena al Calderon contro l’Atletico Madrid vice-campione d’Europa. Diversi gli uomini che potrebbero rifiatare contro i bergamaschi. Solo il pacchetto arretrato dovrebbe essere confermato in blocco visto che a Madrid dovrebbe tornare dal primo minuto Caceres in luogo di Ogbonna. A centrocampo si rivedrà Pogba dal primo minuto, Marchisio sarà confermato in cabina di regia mentre Vidal dovrebbe tornare in panchina e lasciare spazio a Pereyra. A sinistra ci sarà Asamoah dal 1’, mentre a destra Allegri potrebbe dare un turno di riposo a Lichtsteiner promuovendo Romulo titolare.

TOCCA AD ALVARO– I veri dubbi riguardano l’attacco. Tevez, che ha riposato ieri contro il Cesena, con tutta probabilità dovrebbe tornare a guidare l’attacco bianconero. Al suo fianco però potrebbe non esserci Llorente. Tutte le punte stanno bene, in particolare Giovinco è apparso in grande condizione. A Bergamo però potrebbe esserci l’esordio stagionale di Alvaro Morata dal primo minuto, visto che lo spagnolo ha ormai completamente risolto i suoi problemi fisici.

SHARE