SHARE

 

pellè southampton

Il Southampton è riuscito a reinventarsi dopo aver ceduto quasi tutti i suoi uomini migliori in estate. Il manager dei Saints, Ronald Koeman, ha dovuto fare a meno dei vari Lambert, Lallana, Shaw, Chambers e Lovren trattenendo il solo Schneidrlin ma nonostante tutto i risultati di inizio stagione stanno sorridendo alla squadra biancorossa, reduce dalla vittoriosa trasferta per 2-1 all’Emirates Stadium di due giorni fa in cui ha eliminato l’Arsenal dalla Capital One Cup. In campionato poi il Southampton occupa un sorprendente secondo posto che potrebbe essere rinforzato dopo il match casalingo di domani contro il non irresistibile QPR.

UOMO COPERTINA – Tra gli uomini migliori del club figura il nostro Graziano Pellè, che dopo gli inizi al Lecce e due parentesi poco fortunate al Parma ed alla Sampdoria ha vissuto i migliori momenti della carriera in Olanda rispettivamente all’AZ Alkmaar ed al Feyenoord, squadra dalla quale proviene. Con il Southampton Pellè ha sin qui segnato 3 gol in 5 gare. Pellè ha dichiarato in proposito: “Devo ringraziare il calcio olandese se sono migliorato, lì ho incontrato van Gaal e Koeman che hanno creduto molto in me”.

DUE MAESTRI – Pellè continua: “Entrambi hanno sopportato i miei errori e mi hanno dato una formazione completa, in Italia una cosa simile non accadrebbe mai perché non c’è pazienza con i giovani, comunque anche io ho sbagliato qualcosa mentre ora a 28 anni possiedo la giusta esperienza. Con van Gaal ho compreso l’utilità di sapersi muovere in una certa maniera, il salto di qualità poi l’ho compiuto con Koeman. Eredivisie meno competitiva dei maggiori campionati d’Europa? Così si dice, ma le dimensioni della porta sono uguali e se non la centri non segni”.

UN PENSIERINO ALLA NAZIONALE – Pellè conclude: “Al Modiale Under 20 compresi l’importanza della maglia azzurra, adesso vorrei sfruttare la possibilità di approdare in Nazionale maggiore ma dipende solo da me”.

SHARE