SHARE

C_3_Media_1573550_immagine_ts673_400

Jean Francois Gillet,  portiere belga del Torino, è tornato tra i pali in campionato dopo la squalifica di 13  mesi per la vicenda del Calcioscommesse. Queste le sue dichiarazioni a “Sky”: “Ero titolare, poi sono stato fuori per un anno e la squadra è andata in Europa. Padelli aveva cominciato il campionato e io sono stato al mio posto lavorando nell’ombra. Oggi il mister mi ha dato la possibilità come a Bruges e vedremo. Si riparte da martedì, nessuno mi ha promesso niente. Era tantissimo che non giocavo, ero tornato solo a Bruges. Quando tocchi il fondo poi risalire è sempre difficile. C’ho sempre creduto e ho aspettato il mio momento con serenità. Ho dato l’anima e adesso c’è da continuare per farmi trovare pronto. Il pubblico? Emozioni forti, è anche questo il bello del calcio. Tanti applausi, bellissimo.”

Conclude con un pensiero sul periodo in cui è dovuto stare lontano dai campi : “Tutti possono parlare, tutti possono pensare quello che vogliono, ma solo io so quello che ho passato. Sono vicende brutte, difficili da gestire. Da fuori è facile giudicare”.

SHARE